Toronto: la metropoli più multiculturale del Canada



Toronto

A ZONzo si sposta nel continente americano e va alla scoperta del Canada e in particolare di Toronto, città immersa nel verde, ricca di parchi e giardini, che vanta un patrimonio etnico tra i più numerosi del mondo, attrazioni naturalistiche e un discreto panorama culturale

Toronto, situata nella parte sud orientale del Canada conta più di 2 milioni e mezzo di abitanti di cui la metà risulta essere di origine europea, e ben cinquecento mila si stima siano i torontoniani di origine italiana.

La città è considerata il cuore dell’economia canadese, ed è una delle mete più conosciute del paese; Toronto  vanta  un’alta concentrazione di parchi e giardini ed è una metropoli “pulita”, qui infatti , la raccolta differenziata è ai massimi livelli. Atra caratteristica interessante è l’aria multicurale che vi si respira: la popolazione è infatti composta da circa 80 entnie  che  parlano ben 150 lingue diverse.

Numerose sono le attrazioni culturali, musei, teatri strutture architettoniche da togliere il fiato, ma non mancano le

CN Tower
CN Tower

attrazioni naturalistiche e tutta la parte di intrattenimento e divertimento che la città offre durante la notte.

Prima tappa obbligatoria è la CN Tower  la terza torre per comunicazioni più alta del mondo, 553 metri di altezza, e il simbolo di Toronto. La torre si sviluppa su tre piani e comprende ristoranti e negozi. Una sua caratteristica è la pavimentazione in vetro che permette di ammirare il panorama della città attraverso un’esperienza da brivido.

Immancabile è la visita al Royal Ontario Museum (ROM),  il museo di storia naturale ed antropologia più grande del Canada,che possiede numerosissime gallerie e una vasta collezione di opere, dalle arti mediorientali ed asiatiche (Corea, Giappone, Cina), a quelle europee( Grecia, Francia e tante altre) e della storia canadese passando attraverso la galleria dedicata ai dinosauri, quella delle biodiversità e dei pipistrelli e rettili.

AGO
AGO

L’Art Gallery of Ontario (AGO) è un altro imperdibile luogo da visitare: questo museo espone opere di arte

antica, moderna e contemporanea candesi, ma anche europee, africane e oceaniche. La collezione di questa galleria d’arte vanta circa 80000 opere. Inoltre il museo stesso è da considerarsi un’imponente opera d’arte costruita dall’architetto canadese Frank Gehry.

A Toronto sorge anche un museo davvero singolare, il Bata Shoe Museum,  un museo che espone la storia della scarpa e i vari modelli di scarpe provenienti da tutto il mondo  e da tutte le epoche: dalle calzature degli antichi egizi di 4.500 anni fa alla scarpa taglia 56 del giocatore di basket Shaquill O’neal.

Un salto va fatto a Casa Loma, dallo spagnolo “casa in collina”. Casa Loma è un castello costruito intorno ai primi

Bata Shoe Museum
Bata Shoe Museum

del Novecento e conta ben 98 stanze. Oggi questa dimora è diventa un museo  ed espone mobili ed un’architettura caratteristica oltre ad un meraviglioso ed immeso giardino.  Avventurarsi nel castello tra le sue gallerie sotterranee e i labirinti segreti è un’espeienza davvero indimenticabile.

Tra le attrazioni naturalistiche non si può non visitare lo Zoo di Toronto, che ospita ben 5000 animali provenienti da tutto il mondo, dai panda agli orsi polari ai gorilla e tantissimi altri, e merita un’occhiata anche il Ripley’s Acquarium of Canada con 13.500 di diverse specie tra coralli, pesci e organismi marini.

Un must see è il Distillery District che sorge nella zona orientale del centro città. Questo “distretto” è tutto

DistilleryDistrict
DistilleryDistrict

costituito da vecchi edifici utilizzati come distillerie in passato. L’architettura è davvero suggestiva e riporta indietro nel tempo; è una sorta di centro storico in cui è vietato il transito di automobili e si può tranquillamente passeggiare tra ristorantini, pub, caffè e negozietti caratteristici. È la meta ideale, soprattuto di sera, quando le stardine e i negozi si illuminano di mille luci, per una passeggiata alternativa di respiro storico e culturale.

Toronto sorge sul lago Ontario, è quindi d’obbligo una passeggiata sul lungolago,  per rilassarsi visitando le varie spiagge, oppure camminando tra negozi alla moda e l’Harbourfront Centre, un’organizzazione culturale no-profit che ospita più di 4000 eventi culturali all’anno tra musica, teatro, danza ecc.

Proprio dal lungomare la città è connessa a 14 isolette, raggiungibili con il traghetto in soli 10 minuti;  le isole sono tutte collegate tra loro e  sono ricche di spiagge, aree verdi dove fermarsi a mangiare o riposare, reti da pallavolo, ristoranti, caffè. L’ideale sarebbe girarle in bicicletta e trascorrervi un’intera giornata, all’insegna del relax all’aria aperta.

Non si può venire a Toronto e non visitire le magnifiche Cascate del Niagara.

Niagara Falls
Niagara Falls

Queste cascate si trovano nella città di  Niagara Falls e  raggiungerle da  Toronto è davvero semplice, in autobus ci si impega  circa un’ora e mezza e la vista è davvero impagabile. Inoltre,è possibile, anzi consigliabile prendere una nave che permette di ammirare le cascate più da vicino, sia la parte canadese che quella americana, per godere appieno di questo magnifico e imponente capolavoro della natura. Le cascate non sono famose per la loro altezza, circa 52 metri, ma per lo splendido scenario che creano. Da togliere il fiato.

Sempre a Niagara Falls vale la pena visitare, il Butterfly Conservatory, un giardino di farfalle, in cui è possibile entrare ed ammirare diverse specie di farfalle provenienti dal Canada, che volano libere e accolgono volentieri turisti e curiosi da ogni parte del mondo. Un’esperienza davvero imperdibile.

Little Italy
Little Italy

Toronto è una città estremamente internazionale, e lo si intuisce anche dai quartieri in cui è divisa,

ad esempio esiste il quartiere italiano  chiamato  Little Italy che ha la sua base in College Street ( anche se parte della comunità di italiani si è spostata su St.Clair Street  e nell’area di Woodbridge), dove passeggiando, si incontrano numerossimi locali italiani e dove le insegne vedono affissa la bandiera italiana e ci si sente un pò a casa. Oppure si può decidere di fare un giro nel quartiere cinese, Chinatown, che ha la sua base  su Spadina Avenue, dove i nomi delle strade sono scritti sia in inglese che in cinese ( la popolazione cinese ha anche conolizzato la zona di Markham e Richmond Hill). C’è poi il quartiere coreano, quello brasiliano,quello indiano, insomma davvero c’è l’imbarazzo della scelta, è possibile visitare tutto il mondo in un’unica città.

Un famoso quartiere è Kensignton Market noto per i suoi negozietti vintage, rivendite etniche, mercatini all’aperto, concerti ad ogni angolo.

Chinatown
Chinatown

Toronto è una città davvero affascinante, con il suo ritmo rilassato e una popolazione estramente gentile e

affabile.D’estate grazie al clima mite la città si accende e si anima grazie a numerossismi eventi culturali, concerti, attività all’aria aperta per tutti i gusti. D’inverno la situazione è molto più tranquilla, a causa delle temperature estremamente fredde (-30 gradi). Proprio a causa del freddo intenso, la città si sviluppa anche a livello sotterraneo tramite una rete di strade, per un totale di 27 km che prende il nome di The path. Questa Toronto sotterranea è una vera e propria città dotata di banche, uffici postali, locali pubblici, ristoranti, uffici e supermercati (è bandito il trafficolo automobilistico).

toronto
Kensington Market

Date le rigide temperature invernali è consigliabile visitare Toronto d’estate, se non si ama particolarmente il freddo e se si vuole godere di tutte le attività all’aperto che la città offre in questa stagione. I trasporti pubblici sono efficienti anche se molto costosi, un biglietto valido per una sola corsa costa ben 3 dollari canadesi, un pass giornaliero invece ben 11.50 dollari e un abbonamento mensile 141.50 dollari. Lo stesso vale per i musei e  gran parte delle attrazioni culturali e non, che sono a pagamento. Un vantaggio per i turisti potrebbe essere quello di comprare  un pass, il cosidetto Citypass Toronto, che consente di risparmiare sull’aquisto dei biglietti. Per chi invece si trattiene per un periodo lungo, c’è la possibilità di entrare gratis nei musei una volta al mese, o ancora è possibile avere delle riduzioni sul prezzo integrale del biglietto un giorno alla settimana tutte le settimane ad un orario specifico, è quindi consigliabile consultare i siti web dei musei prima di partire e organizzarsi di conseguenza.

Leggi anche