Serie A: Udinese-Inter, segui la cronaca live



inter
Foto: Instagram Udinese Calcio

Nella 36° giornata di Serie A si sfidano Udinese e Inter. I nerazzurri combattono ancora per un posto in Champions, i friulani cercano di uscire da un periodo negativo

All’andata il match contro l’Udinese, per l‘Inter valse la prima sconfitta stagionale e l’inizio di un lungo periodo di risultati negativi. Dopo la sconfitta di metà dicembre, i nerazzurri non trovarono la vittoria per circa 2 mesi e mezzo.

Dopo il periodo negativo della squadra di Spalletti, l’Inter ha ritrovato vittorie e continuità ritornando in corsa per un posto in Champions lottando con Roma e Lazio. L’Udinese dopo un ottimo periodo, che lo ha visto avvicinarsi alla zona europa, nelle ultime 12 partite ha conquistato ben 11 sconfitte e un pareggio.

Per la Champions i nerazzurri distano soltanto 4 punti, mentre l’Udinese rimane a +3 dalla zona retrocessione. Queste ultime 3 partite sono fondamentali e decideranno il destino di entrambe le squadre, per la prossima stagione.

Le Formazioni Ufficiali

Rispetto al match contro il Benevento, Tudor cambia pochissimo nell’11 iniziale. Gli unici cambi effettuati sono a centrocampo, Barak e Pezzella si siederanno in panchina per fare posto a De Paule Adnan.

Nell’ultima partita contro la Juventus, l’Inter di Spalletti ha dimostrato di saper reagire anche in un momento difficile e con l’uomo in meno. Nel lunch match i nerazzurri presenti in campo sono gli stessi di sabato scorso, mancano all’appello soltanto Vecino e D’ambrosio squalificati.

A sostituire i due squalificati saranno Borja Valero sulla mediana in coppia con Brozovic, e Dalbert.

Udinese (3-5-1-1): Bizzarri; Larsen, Danilo, Samir; Widmer, Fofana, Behrami, De Paul, Adnan; Balic; Lasagna.

Inter (4-2-3-1): Handanovic; Cancelo, Miranda, Skriniar, Dalbert; Borja Valero, Brozovic; Candreva, Rafinha, Perisic; Icardi.

Il Match:

Durante il riscaldamento pre-match, Miranda ha subito un infortunio che lo vedrà assente nel Lunch-Macth. A sostituire il brasiliano sarà Ranocchia.

Nei primi minuti si vede in campo un Inter sicura delle proprie giocate, sfiorando il gol già con svariate occasioni. Al 5° minuto è ancora una volta l’Inter a sfiorare la rete del vantaggio.

Su uno sviluppo di un calcio di punizione Perisic con un colpo di testa scavalca Bizzarri, ma Danilo salva sulla linea e manda in calcio d’angolo. Al 12° arriva la rete del vantaggio con un colpo di testa di Ranocchia, che da calcio d’angolo battuto da Brozovic segna la rete dello 0-1.

Dopo l’insistente pressing nerazzurro, i padroni di casa cercano di spingere per trovare il pareggio ma il muro difensivo ospite si fa trovare pronto. Continua l’attacco interista, ma senza trovare il raddoppio.

Al 44° con un perfetto contropiede arriva il raddoppio nerazzurro, questa volta a mettere la palla in rete è il brasiliano Rafinha che trova la sua prima rete in campionato. Nel minuto di recupero arriva anche la rete del 3-0, Icardi chiude ancora una volta un contropiede nerazurro segnando la 28° rete in campionato.

Dopo un minuto di recupero arriva la fine del primo tempo, che vede l’Inter in vantaggio di 3 reti a 0.

Secondo Tempo:

Dopo un minuto dall’inizio del secondo tempo, Lasagna sfiora la rete dell’1-3 calciando a fil di palo. Con l’aiuto dalla Var, Mazzoleni decide di espellere Fofana per un entrata a gamba tesa su Perisic.

Ora per 40 minuti l’Udinese dovrà giocare con un uomo in meno, e 3 reti di svantaggio. Un secondo tempo dominato dall’Inter, e al 26° arriva il poker firmato Borja Valero.

Continua il pressing nerazzurro, creando svariate occasioni ma senza trovare la via della rete. Nei minuti finali ancora un contropiede dell’Inter, ma questa volta Karamoah manda il pallone sulla traversa.

Dopo 45 minuti arriva il fischio finale, che vede l’Inter vincitrice 0-4. Grazie a questa vittoria i nerazzurri possono credere ancora alla Champions, tornando a -1 dal terzo e quarto posto aspettando Roma e Lazio.

Per l’Udinese è una sconfitta pesantissima, la 12° nelle ultime 13 partite rimanendo a +3 dalla zona retrocessione.

Leggi anche