US Open, Djokovic

Clamoroso agli US Open: Novak Djokovic è stato squalificato dal torneo per aver tirato una pallata contro un giudice. Le scuse del serbo

Il torneo degli US Open perdono il protagonista più atteso nella maniera più inattesa: Novak Djokovic è stato squalificato dalla competizione.

Potrebbe interessarti:

Il serbo era in campo contro lo spagnolo Carreno Busta e si trovava al primo set quando al termine del 11° game ha perso il servizio ed il self-control, scagliando una pallata che è finita per colpire la gola di un giudice di linea. Il gesto – seppur involontario a detta di Nole – è valso la squalifica dal torneo, con il numero 1 al mondo sconvolto dalla decisione (giusta) degli arbitri. Già alle prese con i problemi alla spalla, Djokovic si era visto cancellare 6 set point da Carreno Busta, prima di perdere il servizio e poi perdere la testa.

Il regolamento è impietoso e la squalifica è stata immediata, nonostante un lungo conciliabolo tra Djokovic e gli arbitri. Carreno Busta “ringrazia” e accede così ai quarti di finale del torneo in corso a Flushing Meadows.

Il messaggio di Nole

Dopo l’episodio, è arrivato anche il messaggio di Djokovic: Tutta questa situazione mi ha lasciato davvero triste e vuoto. Ho controllato le condizioni del giudice e l’organizzazione mi ha detto che grazie a Dio si sente bene. Sono estremamente dispiaciuto di averle causato tanto stress. Così involontario. Così sbagliato“.

Per quanto riguarda la squalifica – continua Nole – devo tornare dentro e lavorare sulla mia delusione e trasformare tutto questo in una lezione per la mia crescita ed evoluzione come giocatore ed essere umano. Chiedo scusa al torneo US Open e a tutti gli associati per il mio comportamento. Sono molto grato alla mia squadra e alla mia famiglia per essere stato il mio supporto continuo e ai miei fan per essere sempre lì con me. Grazie e mi dispiace tanto.

Letture Consigliate