Vivere sulla Luna? Non è impossibile



terra e luna

La superficie lunare è inospitale, ma una accreditata teoria spiega come sia possibile sfruttare il satellite allo scopo di poterci vivere

Sulla superficie lunare non si può vivere, perché è privata dell’atmosfera, che invece sulla Terra filtra i raggi solari, stabilizza le temperature e distrugge i meteoriti piccoli, i quali si presentano di continuo. Anche sulla Luna si verifica la presenza di meteoriti e asteroidi, ed alcuni dei crateri lunari sarebbero proprio dovuti dallo schiantarsi di essi.

luna
Un cratere lunare

Quindi, privata dell’atmosfera, la superficie lunare appare come un nemico ed un serio pericolo per l’uomo e tutti i viventi.

Alla Lunar and Planetary Science Conference tenutasi in Texas (Usa), alcuni ricercatori della Purdue University, in Arizona, hanno proposto una valida alternativa per poter sfruttare appieno una eventuale colonizzazione della Luna.

Infatti non sarebbe vero che la Luna sia completamente inospitale, come comunemente si tende a pensare. Stando agli studiosi, si tratta di un corpo celeste dove è possibile vivere.

Non è uno scherzo, e nemmeno una contraddizione rispetto a quanto sopra premesso, è scienza: la Luna presenta dei percorsi sotterranei già scavati dalla lava, quando, tantissimo tempo fa i piccoli vulcani lunari erano attivi.

Vivere dentro la luna sarebbe molto diverso dal vivervi al di fuori. Infatti si vivrebbe riparati sia dalle minacce dei meteoriti, sia dalle temperature, che in superficie oscillano tra un massimo di 127°C e un minimo di -173°C.

Colonizzare il satellite andando a vivere dentro quei cunicoli sotterranei costruendovi delle città non sarebbe, dunque, fantascienza. Stando agli attendibili dibattiti nonché alle analisi e alle ricerche finora condotte, quei tunnel che furono a loro tempo scavati dalla lava sarebbero davvero molto grandi (più di un chilometro), e adatti alla vita, anche perché all’interno della luna sarebbe presente anche l’acqua da cui, ad esempio, potervi ricavare ossigeno.

Leggi anche