Windows 10 Spring Creators Update, ecco cosa fare

windows 10

Il rilascio della nuova versione di Windows 10 è alle porte. Ecco una veloce guida su cosa e come fare per non rallentare il vostro PC

project adv

In molti sono in attesa del rilascio della nuova versione di Windows 10. Il pacchetto Spring Creators Update è orma alle porte. Una prima versione doveva già essere rilasciata la settimana scorsa, ma è stata posticipata probabilmente per dei bug rilevati all’ultimo momento. Il rilascio ufficiale doveva avvenire entro fine marzo, poiché questi nuovi aggiornamenti erano in prova dalla scorsa estate 2017. L’aspetto più importante sarà l’introduzione della Timeline. Ma le modifiche più rilevanti saranno piccole rifiniture, per rendere l’ambiente Windows sempre più intuitivo ed user-friendly.

Gli utenti più esigenti sono ancora in dubbio su cosa fare. Preferiscono, infatti, attendere qualche settimana prima di installarla sui loro dispositivi, onde evitare l’installazione di eventuali bug o malfunzionamenti.

Se anche voi volete attendere, ecco una veloce panoramica su come ritardare gli aggiornamenti in base alla vostra versione di Windows 10.

Windows 10 Pro, Enterprise o Educational

Andate in Impostazioni e in Aggiornamento e sicurezza.Cliccate su Opzioni avanzate, scegliete la voce Current Branch for Business e ritardate i feature update (come il Spring Creators Update) di 365 giorni.

Windows 10 Home

Il modo più rapido su Windows 10 Home è impostare la connessione a consumo. Andate in Impostazioni, Rete e Internet e, se avete il PC connesso tramite cavo, cliccate in alto a sinistra sulla voce Ethernet ed impostate la connessione a consumo. In questo modo sarete sicuri di scaricare solamente gli aggiornamenti relativi alla sicurezza.

Disabilitare Windows Update

E se questi metodi appena elencati non vi soddisfano, potrete sempre disabilitare Windows Update. Così facendo, però, sarete costretti a scaricare tutto, sia aggiornamenti che pacchetti, manualmente. Il rischio è quello di intaccare in qualche impostazione avanzata e dover agire direttamente sul registro di sistema.

Video del giorno