Wolf Prize Fisica
Pixabay

Il fisico teorico Giorgio Parisi è stato insignito del Premio Wolf Prize per la Fisica 2021: per la seconda volta in 50 anni, il riconoscimento parla italiano

Per la seconda volta in 50 anni il Wolf Prize per la Fisica 2021 è andato ad un italiano che lavora nel nostro Paese: il Premio istituito in Israele nel 1978 dalla Fondazione Ricardo Wolf, è andato infatti a Giorgio Parisi.

Fisico teorico, ricercatore dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, docente dell’Università La Sapienza di Roma e Presidente dell’Accademia Nazionale dei Lincei, Parisi è stato insignito del Wolf Prize 2021 per la Fisica “per le sue scoperte nella teoria quantistica dei campi, in meccanica statistica e nei sistemi complessi”, si legge nella motivazione.

Nel ricevere il Premio, associato ad un assegno da 100mila dollari e che ogni anno viene assegnato anche per le categorie Agraria, Arti, Chimica, Matematica e Medicina, Giorgio Parisi se ne è detto estremamente contento e orgoglioso, ringraziando a margine tutti i suoi collaboratori “con i quali”, dice, “ci siamo divertiti a svelare quelli che una volta erano considerati misteri della natura.

Parisi nasce come ricercatore sotto l’egida di Nicola Cabibbo: con lui (che lo ha guidato alla laurea nel 1970) ed altri fisici ha partecipato al progetto APE100.