Ultime notizie
Home » Rubriche » Health ZON » Acqua, elemento essenziale per la vita, regolatore dell’equilibrio del corpo
acqua

Acqua, elemento essenziale per la vita, regolatore dell’equilibrio del corpo

E’ l’elemento maggiormente presente nel corpo umano, quello dal quale nasce la vita. L’acqua, fonte essenziale per l’equilibrio dell’organismo

Nell’organismo umano l’acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente in maggior quantità. La sua presenza è indispensabile per lo svolgimento di tutti i processi fisiologici e le reazioni biochimiche che avvengono nel nostro corpo. Ma quali sono le proprietà dall’acqua, e come riesce a mantenere l’equilibrio dell’organismo? Ce ne parla la Dott.ssa Raffaella Sica, Biologa Nutrizionista.

L’acqua svolge un ruolo essenziale nella digestione, nell’assorbimento, nel trasporto e nell’utilizzazione degli stessi nutrienti. L’acqua è anche il mezzo attraverso il quale l’organismo elimina le scorie metaboliche, ed è indispensabile per la regolazione della temperatura corporea. Inoltre, agisce come “lubrificante” e ha funzioni di ammortizzatore nelle articolazioni e nei tessuti, dunque l’idratazione è la prima cosa anche negli sportivi. Durante e dopo l’attività fisica bisogna bere per reintegrare prontamente e tempestivamente le perdite dovute alla sudorazione.

Dato che in pratica non vi è alcun sistema all’interno dell’organismo che non dipenda direttamente dall’acqua, è facile intuire che mantenere un giusto equilibrio del nostro “bilancio idrico” (rapporto tra le entrate e le uscite di acqua) è fondamentale per conservare un buono stato di salute. Si raccomanda di bere circa 2 litri di acqua al giorno, frequentemente, in piccole quantità e lentamente, soprattutto se l’acqua è fredda poichè un brusco abbassamento della temperatura dello stomaco può creare le condizioni per pericolose congestioni.

I bambini sono maggiormente esposti a rischio di disidratazione rispetto agli adulti pertanto è bene invogliarli a bere di più. Anche gli anziani, siccome con l’età diminuisce lo stimolo della sete, dovrebbero bere frequentemente nell’arco della giornata, durante e al di fuori dei pasti, anche quando non avvertono lo stimolo della sete.

Ma cosa vuol dire “aver sete”?

Tutti noi dovremmo non arrivare mai ad avere sete. Il centro della sete si trova nel cervello e con un meccanismo estremamente complesso e sensibile raccoglie ed elabora vari segnali provenienti da diversi tipi di recettori localizzati in varie parti del corpo. Soltanto se la disidratazione sale al 2% comincia a manifestarsi il senso di sete, quindi non si dovrebbe mai arrivare ad avere sete, perché in quel caso siamo già disidratati e uno stato persistente di disidratazione compromette sia le capacità fisiche che mentali del nostro organismo. Con una disidratazione intorno al 5% compaiono crampi, debolezza, maggiore irritabilità, mentre intorno al 7% si possono avere malessere generale, profonda debolezza e anche allucinazioni. Con il 10% vi è concreto rischio di insorgenza del colpo di calore, e comincia a essere messa in pericolo la stessa sopravvivenza.

E allora quando bere? Non è vero che l’acqua vada bevuta solo al di fuori dei pasti; un’adeguata quantità di acqua è utile per favorire i processi digestivi, perché migliora la consistenza degli alimenti ingeriti. Soprattutto in questo periodo di caldo estivo bisogna reintegrare tempestivamente i liquidi persi e mantenersi sempre sopra la soglia della disidratazione. In che modo? Bevendo al di sopra dello stimolo della sete!

 

Scriveteci

commenti scritti.
GUARDA, ASCOLTA .... SCRIVI !!!
Leggi e Commenta le nostre rubriche e rimani aggiornato con un LIKE sulla nostra pagina FB ZON.it

About Raffaella Sica

Svolge attività di Biologa Nutrizionista. Consegue l’abilitazione all’esercizio della professione nel 2011 e si iscrivo all'ONB (Ordine Nazionale dei Biologi). Laureata in Biologia (curriculum Nutrizione) nel 2011 presso l’Università degli Studi di Napoli “Federico II”. Si perfeziona in “Educazione alimentare e prevenzione delle malattie dismetaboliche” nel 2011. Nel 2015 consegue il titolo di Dottore di Ricerca in Biologia Avanzata presso la stessa università. L'attività di ricerca svolta dal 2009 è oggetto di diverse pubblicazioni scientifiche su riviste internazionali e di diverse comunicazioni a congressi nazionali ed internazionali. Fornisce supporto didattico teorico-pratico durante il Corso di Organo adiposo e Regolazione del peso corporeo e durante il Corso di perfezionamento annuale in: “Educazione alimentare e prevenzione delle malattie dismetaboliche” (Dipartimento delle Scienze Biologiche, Sezione Fisiologia e Igiene dell’Università degli Studi di Napoli "Federico II"), con seminari introduttivi ed esercitazioni pratiche relative alla valutazione dello stato nutrizionale e della massa grassa mediante l'utilizzo dell'antropometria (standardizzazione di peso, altezza, circonferenze), plicometria, impedenziometria. Arricchisce continuamente la sua formazione con corsi e seminari specifici sulla Nutrizione fisiologica e patologica nelle sue varie forme.

Check Also

Giffoni Experience

Giffoni Experience 2017, ecco i lungometraggi vincitori

  Giffoni Experience 2017, ecco tutti i lungometraggi vincitori della 47° edizione. I film sono …