Quattro anni e 35.000 dollari per beccare il Troll!

Prima PaginaQuattro anni e 35.000 dollari per beccare il Troll!

Sa di incredibile, ma un uomo ha speso ben 35.000$ e quattro anni della propria vita per beccare il troll che lo disturbava online

[ads1] Tutto ebbe inizio nel 2011, quando Bill, Bill Hadley, si soffermò su alcuni commenti trovati online. L’articolo in questione proponeva la notizia del seggio vacante nel consiglio della conte a cui ambiva Mr.Hadley. Il troll, un commentatore firmatosi Fuboy, attaccò alcuni punti di vista del futuro candidato ma, nonostante non vi fosse nulla di particolarmente offensivo, Hadley non la prese bene…

Decise, così, di dare la caccia a quel personaggio nascosto dietro un falso nick, ed ecco iniziare l’odissea!
Mentre la comunità locale, abituata a dibattiti e battaglie politiche accese e dinamiche, non si sconvolse per il commento di Fuboy, il candidato non fu altrettanto rilassato. Già attivo politicamente, Hadley s’era ritirato dalla vita pubblica tre anni prima, ma, approfittando delle dimissioni di un membro del consiglio, decise di tornare in scena. Elemento critico, però, e dibattuto era il prestito di 5.5 milioni di dollari concesso per finanziare la nascita di un parco industriale chiamato Mill Race Crossing.

A Freeport, la cittadina del misterioso commento, il clima politico era piuttosto animato, come sempre capita nelle dispute elettorali. Numerosi, infatti, furono, per Headley, i sospettati dell’affronto.

Hadley decise di denunciare il suo troll, accusandolo di diffamazione. Risarcimento richiesto: 50.000$.
Il quotidiano su cui apparve il galeotto commento aveva, ovviamente, registrato l’IP del commentatore, ma non fu concessa tale informazione. Il quotidiano voleva, per divulgare questo dato, una sentenza giudiziaria che l’obbligasse a farlo. Analoga richiesta fu inoltrata a Comcast, che rifiutò di concedere l’informazione, se non dopo una richiesta da parte di un organo giudiziario. Il caso diviene, però, piuttosto interessante: un provider può concedere informazioni di questo tipo?

Se la risposta fosse positiva, allora molti dei blog anonimi verrebbero inquadrati direttamente come persone fisiche, direttamente citabili in giudizio, ma il caso di Hadley è ancora differente: qui, invece di un blog anonimo, intestato a qualcuno, si tratta di terza persona che commenta anonimamente su un sito/blog altrui. Casi analoghi già finiti in tribunale non hanno dato una semplice e univoca risposta al quesito. Fu così che, ingaggiando un avvocato esperto di casi di diffamazione, Olivera Medenica, lo sviluppo della questione prese un indirizzo particolare.

Solo nell’estate 2015, con perseveranza e denaro investito per la propria battaglia, Hadley riuscì ad ottenere da Comcast, su richiesta della Suprema Corte dell’Illinois i dati del misterioso Fuboy. Si trattava di Frank Cook, un avvocato di stato che aveva fatto parlare di Hadley nei suoi primi sei anni di mandato nel consiglio della contea.
I due si conoscevano, e di fatti Hadley sembrò essere piuttosto disorientato dalla scoperta. Cook e Hadley si salutavano quasi quotidianamente per strada, eppure l’instancabile Hadley dichiarò a giornali locali di non essersi mai aspettato sentimenti così fortemente negativi nei suoi confronti da parte dell’altro.

Journal Standard

Com’è andata a finire?

Il giorno seguente Cook si dimise dalla propria posizione, dichiarandosi comunque innocente e mantenendo la propria posizione. Si è avuto un cambio di sede del processo, e la prima udienza si terrà a dicembre.
Lo stesso avvocato di Hadley, però, nutre seri dubbi di vittoria. Il fulcro della questione è riuscire a dimostrare i danni effettivamente ricevuti dall’immagine di Hadley dopo il commento di Fuboy, ops, di Frank Cook.

Ed il commento? La causa di questa battaglia?

Non ci siamo dimenticati del commento, e ve lo proponiamo nella sua versione originale!

Hadley is a Sandusky waiting to be exposed,“- continua – “Check out the view he has of Empire [elementary school] from his front door.”

L’articolo incriminato si trova sul JournalStandard.com, ma la sezione commenti è stata chiusa e quanto scritto da Fuboy è stato rimosso.

[ads2]

Redazione ZONhttps://zon.it
I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo.

Covid-19

Italia
93,017
Totale di casi attivi
Updated on 2 August 2021 - 20:08 20:08