Acqua di San Giovanni: ricetta e leggende sulla “rugiada degli dei”

AttualitàAcqua di San Giovanni: ricetta e leggende sulla "rugiada degli dei"

Secondo le leggende l’Acqua di San Giovanni porta amore, salute, fortuna e prosperità e va preparata nella notte tra il 23 e 24 giugno

Il 23 giugno è una notte decisamente magica. Tradizionalmente è in questa notte che va raccolta la “rugiada degli dei” utile per la preparazione della famosa Acqua di San Giovanni. La magia della notte in questione è dovuta alle leggende che parlano di riti propiziatori e purificatori. Tali riti sembra avvengano proprio a cavallo tra il 23 e il 24 giugno.

Il solstizio d’estate cade proprio nel giorno più lungo dell’anno. Secondo le leggende la natura raggiunge in questo giorno il punto di massimo splendore. Da contraltare a un giorno tanto mistico ci sono però siccità, temporali e malattie delle piante. Proprio per rispondere a questi influssi negativi viene raccolta la rugiada utile alla preparazione della miracolosa Acqua di San Giovanni.

Secondo le leggende, durante la notte a cavallo tra il 23 e il 24 guglio, cade la rugiada degli Dei. Per preparare l’Acqua miracolosa occorre raccogliere una misticanza di erbe e fiori spontanei. Non esiste una vera e propria regola su quali fiori raccogliere ma ci si lascia guidare dall’istinto. Dopo il tramonto le erbe vanno messe in acqua e si lasciano all’esterno per tutta la notte. In questo modo riescono ad assorbire la rugiada del mattino. Le erbe raccoglieranno la rugiada e da essa acquisiranno proprietà magiche.

La mattina del 24 giugno la miracolosa Acqua di San Giovanni verrà utilizzata per lavare mani e viso in modo da portare amore, fortuna e benessere.

Michele Mastia
Dottore in giurisprudenza e praticante avvocato presso il Tribunale di Salerno. Scrivo di calcio. E amo Batman: nessuno ci hai mai visti contemporaneamente nella stessa stanza.

Covid-19

Italia
97,220
Totale di casi attivi
Updated on 5 August 2021 - 03:12 03:12