whatsapp down
immagine da pixaby

Ennesimo tentativo di frode con lo sfruttamento del brand Adidas: gli hacker promettono un paio di scarpe in regalo per la festa della donna

Da qualche giorno gira sulla piattaforma di messaggistica istantanea Whatsapp un messaggio in cui si parla di un presunto regalo da parte di Adidas per celebrare la festa della donna: un paio di scarpe gratis. Insieme all’annuncio, anche un link per partecipare al concorso e ottenere così l’omaggio. Si tratta del classico schema che riproduce un tentativo di phishing. La pagina replica il sito dell’azienda, in questo caso Adidas, creata dagli hacker per mostrarsi credibili agli occhi degli utenti meno attenti. Cliccandoci sopra si viene indirizzati verso una pagina con un modulo da compilare, un semplice questionario sulle proprie preferenze e fin qui nulla di “pericoloso”.

Potrebbe interessarti:

Il sito chiede poi all’utente di effettuare il pagamento delle spese di spedizione per le scarpe. Una cifra irrisoria che può può essere versata tramite carta di credito, inserendo il nome del titolare, il numero della carta stessa e, ovviamente, il codice di controllo di tre cifre presente sul retro. Chiaramente si tratta di dati che verranno poi raccolti ed utilizzati dagli hacker.

Arriva anche il chiarimento dell’azienda

L’azienda Adidas ha fatto sapere che non regala scarpe per la Festa della donna, e che non esiste alcuna iniziativa pubblicitaria simile. Chiedendo inoltre agli utenti della piattaforma di messaggistica che hanno ricevuto il messaggio di non aprire assolutamente il link per non rischiare di rimanere truffati o condividere ulteriormente una catena che è in realtà una truffa creata ad hoc.

Come verificare che si tratta di una truffa?

Data la popolarità dei social network, anche WhatsApp e Facebook sono diventati terreno fertile per tentativi di phishing. Queste truffe possono trarre in inganno con più facilità, perché condivise nelle chat di conoscenti, amici e persone fidate. Aprendo i link fasulli, il cellulare può essere infettato da un virus che inoltra il link compromesso a tutti i contatti. È meglio non fidarsi dei messaggi sospetti che circolano nelle chat, e al limite chiedere conferma della loro autenticità a chi l’ha inoltrato.  

Letture Consigliate