asteroide bennu
pixabay

La sonda della Nasa OSIRIS-REx si poserà oggi sulla superficie dell’asteroide Bennu. Qui si potranno scoprire nuovi indizi sulla nascita della vita sulla Terra

Un evento di fondamentale importanza, quello che sta per raggiungere oggi la Nasa. Importanza sia dal punto di vista tecnologico sia dal punto di vista della storia dell’uomo. Oggi, infatti, la sonda OSIRIS-REx si poserà sulla superficie dell’asteroide Bennu. Lo studio degli asteroidi rappresenta per la scienza un ambito estremamente importante ed il motivo è molto semplice. Come spiegato dal Lori Glaze, capo del dipartimento di Scienza Planetaria della Nasa, gli asteroidi sono una vera e propria macchina del tempo. Nel corso dei millenni, infatti, i pianeti e le stelle hanno subito dei mutamenti. Lo stesso non si può dire per gli asteroidi che sono rimasti pressoché invariati nel corso dei millenni.

Potrebbe interessarti:

Per questo motivo, raccogliendo campioni che la sonda Nasa porterà sulla Terra per essere analizzati, sarà possibile ricercare amminoacidi o comunque molecole a base di carbonio che potrebbero aver dato origine alla vita sulla Terra. L’impatto con uno di questi corpi celesti potrebbe aver diffuso anche sul nostro pianeta elementi base per la vita che, grazie a situazioni favorevoli, potrebbero aver dato origine ai primi organismi. Per poter condurre queste analisi, però, è necessario portare avanti progetti separati in modo da inviare su ogni papabile asteroide una sonda per il prelievo di campioni.

L’atterraggio è previsto per oggi, dopo più di due anni che la sonda OSIRIS-REx ha ruotato in orbita intorno a Bennu. Le prossime missioni solo Lucy, nel 2021, e Psyco, nel 2022. L’intera procedura è visibile in streaming sul sito della Nasa.

Letture Consigliate