Milan
Ph: Alfonso Maria Salsano

Kessie e Leao regalano al Milan 3 punti sofferti ma fondamentali per restare in vetta alla classifica di Serie A

Tre punti da grande squadra. In dieci per oltre un’ora a causa dell’espulsione di Tonali, il Milan trova comunque i tre punti contro il Benevento trascinato dai gol di Kessie e Leao e da una prova di squadra molto solida in fase difensiva, nonostante qualche momento di sofferenza. Prossimo appuntamento a San Siro, il big match contro la Juventus.

Potrebbe interessarti:

La Partita

Avvio di partita equilibrato, il primo squillo è del Milan con un azione personale di Brahim Diaz che si libera al tiro ma il suo destro finisce fuori dallo specchio della porta difesa da Montipò. Il Benevento non disdegna la fase offensiva e si porta con continuità a ridosso dell’area di rigore rossonera ma soffre in fase di impostazione dal basso e infatti, in una di queste circostanze, Tuia commette una grave ingenuità abbattendo Rebic in area di rigore e causando il penalty che Kessie trasforma nel gol del vantaggio. I sanniti reagiscono subito con un grande palo colpito da Roberto Insigne, dimostrando coraggio e sfrontatezza oltre alla volontà di proporre gioco contro qualsiasi avversario. La partita vive un altro momento di svolta al minuto 33 quando Tonali, per un intervento ai danni di Caprari, si becca un cartellino giallo che diventata rosso dopo l’intervento del VAR. Pioli corre ai ripari inserendo Krunic al posto di Diaz.

Il secondo tempo si illumina con una perla scintillante che illumina il freddo pomeriggio del “Vigorito”: Leao arriva su un pallone quasi irraggiungibile e da posizione defilata trafigge Montipò con un pallonetto delizioso da fantascienza. Neanche il doppio svantaggio frena il Benevento che ha subito l’occasione di accorciare le distanze con Insigne che di tacco non trova la porta da pochi metri. I padroni di casa sprecano poi un’occasione da gol ancora più clamorosa al 61′ quando Caprari fallisce un calcio di rigore assegnato per fallo molto ingenuo di Krunic. Il palo frena il Milan, e in particolare Calhanoglu, dal tris e così il Benevento si butta in avanti alla disperata ricerca del gol che riaprirebbe la partita. Il Milan è la squadra che colpisce più legni in serie A e la serie sfortunata prosegue anche nel finale di partita con il doppio palo di Kessie servito da un ottimo Leao in ripartenza.

IL TABELLINO DI BENEVENTO-MILAN:

BENEVENTO (4-3-2-1): Montipò; Letizia, Tuia, Glik, Barba; Hetemaj, Schiattarella, Ionita; Insigne, Caprari; Lapadula. A disp.: Manfredini, Lucatelli, Gori, Foulon, Pastina, Del Pinto, Basit, Tello, Dabo, Improta, Di Serio, Moncini, Sau. All.: Inzaghi

MILAN: (4-2-3-1): G. Donnarumma; Calabria, Kjaer, Romagnoli, Dalot; Tonali, Kessie; Diaz, Calhanoglu, Rebic; Leao. A disp.: A. Donnarumma, Tatarusanu, Conti, Duarte, Kalulu, Musacchio, Castillejo, Frigerio, Hauge, Krunić, Colombo, Maldini. All.: Pioli

MARCATORI: 15′ Kessie, 49′ Leao

Letture Consigliate