Black Friday, origini del venerdì più nero dell’anno

black friday

Origini e storia del Black Friday, il venerdì nero degli sconti pazzi. Nato negli Stati Uniti, in poco tempo ha conquistato tutto il mondo

Chiunque conosce il Black Friday, il venerdì più nero dell’anno dedicato ai super sconti. Questa particolare giornata fonda le sue radici negli Stati Uniti intorno alla metà del secolo scorso. Era consuetudine per i commercianti applicare super sconti il giorno dopo il Ringraziamento (quarto giovedì del mese di novembre). In questo modo si dava il via alle spese in previsione dei regali nel periodo natalizio. Alcune catene di negozi negli Stati Uniti anticipano l’inizio degli sconti proprio nel giorno del Ringraziamento. In pochi anni, però, questa corsa agli sconti ha invaso tutto il mondo.

Origine del nome “Black”

Non si sa con esattezza questa accezione “nero” da cosa abbia avuto origine. Le tesi più accertate sono due.

La prima dice che il termine Black Friday è riconducibile ai libri contabili che avevano i negozianti negli USA intorno agli anni ’50. Per indicare le perdite usavano una penna di colore rosso; mentre, per indicare gli incassi si usava l’inchiostro nero. E proprio da qui nasce il termine “nero” perché a fine giornata era il colore predominante nei libri contabili.

La seconda tesi, invece, si riferisce allo smog. Infatti, dato che era l’unico giorno utile per acquistare a prezzi davvero vantaggiosi, erano in molti a giungere nelle città per la corsa alle spese. E proprio questa “inondazione” di persone faceva registrare alti tassi di smog ed inquinamento in tutte le città.

Altre giornate riservate agli sconti

Il Black Friday, però, non è l’unico giorno riservato agli sconti. Da pochi anni, il lunedì successivo si “festeggia” il Cyber Monday. Questo particolare lunedì è riservato a tutti gli acquisti online. Anche se c’è questo giorno riservato agli sconti in e-commerce, ormai i grandi siti di shopping online come Amazon riservano offerte lungo tutta l’ultima settimana di novembre.