Cerco le parole di Anthony Galeota feat Eis: le due facce dall’amore

cerco le Parole

Cerco le parole di Anthony Galeota in feat con Eis è disponibile su Youtube dal 1° marzo con un videoclip girato da Giovanni Monsurró. Dai suggestivi scenari del lago Laceno d’inverno, si alza a colpi di beat una storia d’amore raccontata da due differenti punti di vista

Cerco le parole è un brano scritto nel 2015 dal rapper napoletano Anthony Galeota e prodotto da Mario Nasti presso la ZerOkillz studio. Vanta la collaborazione di Antonio Castaldi, in arte Eis. Oggi i due giovani artisti ripropongono il pezzo, lanciandone la clip su Youtube, dimostrando l’incredibile attualità di testo e sound.

Cerco le parole è la 9° traccia tratta dal tuo album  “H.U.M.I.L.I.T.Y“. Raccontaci la genesi del brano.

“Cerco le parole è nata inizialmente con base strumentale, poi l’incontro con il beatmaker Mario Nasti l’ha resa unica e pronta per essere inserita nel mio disco”

A proposito del significato del testo Anthony Galeota ci ha spiegato l’intenzione narrativa di Cerco le parole, chiarendo il senso dei versi:

“Si tratta di un pezzo che mette in mostra le diverse sfaccettature che l’amore e la delusione possono avere. Nello specifico racconta due storie. La prima rappata da Eis intessuta essenzialmente sulla costruzione di che cosa sia una delusione amorosa e quanto sia difficile incassarla. La seconda esamina il punto di vista opposto, ci fa immedesimare nei panni di chi quella delusione l’ha procurata”.

Perché quindi Cerco le parole?

“Nel momento in cui si acquisisce la consapevolezza di aver deluso e ci si ritrova difronte all’impossibilità quantomeno di rimediare, complice il classico cuore di pietra, ecco che si fa fatica a descrivere questo mix di sentimenti contrastanti e cercare e quindi  di trovare le parole giuste è quasi impossibile”.

Nel videoclip si intravedono paesaggi innevati e di tanto in tanto si vede un cane passeggiare.

“Si. Gli scenari quasi da cartolina immortalati da Giovanni Monsurrò illustrano una romantica Avellino. Abbiamo girato nei pressi del famoso lago Laceno, è stato interessante. Il cane non appartiene a nessuno. È un simpatico meticcio che incuriosito dalle riprese si è messo a gironzolarci intorno. Abbiamo deciso di lasciarlo all’interno del girato, poiché la sua presenza appariva quasi iconica”

Che vuoi dire?

“Ha fatto bene la sua parte. Dava quasi l’impressione di essere un’anima vagante e in una canzone come Cerco le parole ci sta benissimo”

Anthony Galeota, classe 90′ è una bella realtà musicale, che nell’affollata vetrina, conta views di Youtube, si distingue e fa la differenza. Coltiva dal 2010 la sua passione per la musica, partecipando a contest e live nel napoletano, riuscendo addirittura nel 2014 ad aprire un concerto di Rocco Hunt.

Attualmente si divide tra il lavoro e il suo vero sogno, non quello di sfondare e fare successo, ma quello di far arrivare a più gente possibile i messaggi delle sue canzoni. È un esempio sano, materiale interessante che potrebbe dar ragione alla proposta di legge che riguarda i passaggi della musica italiana in radio e degli esordienti.

Chissà che prima o poi in radio non ci capiti proprio di ascoltare Cerco le parole, intanto potete vedere e ascoltare il brano qui riportato.