Copyright, la riforma UE è ufficiale: l’Italia vota contro

Copyright

L’Italia ha votato contro la riforma europea del copyright, insieme ad altri cinque Paesi. La Germania invita la Commissione ad evitare filtri

Novità per quel che concerne il web europeo. La famosa riforma europea del copyright ha ricevuto il via libera definitivo. Il Consiglio ha approvato come punto A la direttiva che modifica le regole sul diritto d’autore. Come annunciato, l’Italia ha votato contro assieme a Svezia, Finlandia, Polonia, Olanda e Lussemburgo. Astenuti Slovenia, Estonia e Belgio.

La Germania ha fatto mettere a verbale un suo protocollo in cui invita la Commissione, responsabile dell’attuazione, ad evitare filtri all’upload e censura.
Il ministro rumeno della cultura, Valer Daniel Breaz, ha dichiarato: “Sono molto contento che abbiamo ottenuto un testo bilanciato, creando molte opportunità per il settore creativo europeo, che rifletterà meglio la nostra diversità culturale, e per gli utenti, la cui libertà di espressione su internet sarà consolidata. È una pietra miliare per lo sviluppo di un mercato unico digitale robusto e ben funzionante.

Con l’accordo di oggi rendiamo le regole del copyright adatte all’era digitale. L’Europa avrà ora regole chiare che garantiscono equa remunerazione ai creatori, diritti per gli utenti e responsabilità per le piattaforme. La riforma era il pezzo mancante del completamento del mercato unico digitale.” ha dichiarato Jean-Claude Juncker, presidente della Commissione UE.