covid-19

Covid-19, diramato il bollettino di oggi 6 novembre contenete i dati aggiornati sull’andamento dell’epidemia

Il Covid-19 non pare intenzionato a lasciare l’Italia. Nei giorni scorsi l’aumento dei contagi e il peggioramento dell’andamento dell’epidemia di Covid-19 hanno condotto il Governo verso l’adozione di un nuovo DPCM che entra in vigore da oggi. Intanto ieri si registravano 34.505 nuovi casi di Covid-19. Di seguito i dati del bollettino di oggi 6 novembre 2020:

Potrebbe interessarti:

37.809 contagiati                                                                                                       446 morti                                                                                                                        10586 guariti                                                                                                          +124 terapie intensive                                                                                                  +749 ricoveri                                                                                                                  234.245 tamponi                                                                                                  24.000 ricoveri totali

28% nel rapporto casi testati/positivi

Le regioni con maggiori contagi

Tra le regioni in cui si registrano maggiori contagi al primo posto c’è la Lombardia (9.934), seguita da Piemonte (4.878) e Campania (4.508). Subito dopo Veneto (3.297) Lazio (2.699) e Toscana (2.592)

Le misure in vigore da oggi

Da oggi entra in vigore il DPCM firmato dal Premier Conte il 4 novembre. Al suo interno le nuove misure di intervento finalizzate alla limitazione dei contagi da Covid-19. Come è noto l’Italia è stata divisa in tre fasce di rischio (gialla, arancione e rossa) sulla base di 21 parametri che descrivono il coefficiente di contagiosità in una data Regione. L’appartenenza di una Regione ad una fascia di rischio piuttosto che ad un’altra, viene sancita tramite un provvedimento del Ministero della Salute, in dialogo costante con i Presidenti di Regione. Per ognuna di queste zone sono previste delle limitazioni differenti che si vanno ad aggiungere alle misure valide su tutto il territorio nazionale per limitari i contagi da Covid-19.

Letture Consigliate