crisi di governo rimpasto
screen da youtube

Nessun accordo tra maggioranza e Italia Viva per risolvere la crisi di Governo, Renzi annuncia la rottura su più temi tra cui sanità e scuola

Si complica la crisi di Governo, Italia Viva annuncia la rottura su più fronti. Roberto Fico ai tavoli ha trovato una maggioranza non molto diversa da quella che avevamo visto alle Camere gli scorsi giorni. Ora però Italia Viva complica la posta in gioco e sembra non cedere a un Conte ter.

Potrebbe interessarti:

La barzelletta che non si chiude sul verbale è, appunto, una barzelletta. Qui lo scontro è altissimo sui contenuti: dal Mes alle infrastrutture, dalla giustizia alla Torino -Lione e ovviamente sui nomi. Crimi ha detto che non intendono cedere su nessuno a cominciare da Bonafede e Azzolina. Domenico Arcuri e Mimmo Parisi non si toccano. Possono sostituire la Catalfo solo se non ci va la Bellanova. E per vicepremier al momento è in ballo Fraccaro con Orlando“- scrive Matteo Renzi. Al momento dunque non ci sono risvolti significativi per l’attuale crisi di Governo.

A confermare la tesi del senatore fiorentino è anche Delrio che alla fine delle consultazioni commenta: “Rimangono ancora distanze, non solo con Iv ma anche sull’impostazione di alcuni punti, che ritengo colmabili da chi riceverà l’incarico“.

I nodi da sbrogliare per risolvere la crisi di Governo sono molti. Reddito di cittadinanza, Bonafede, scuola, Arcuri, Mes, vaccini, Alta Velocità, Anpal sono queste le questioni poste sul tavolo da Italia Viva. Dall’altro lato però arriva la raccomandazione di Mattarella al fine di garantire la continuità dei ministeri cui fanno capo crisi sanitaria e Recovery.

Letture Consigliate