Daphne Project: 18 testate unite per ricordare Daphne Caruana Galizia

Daphne Project

I giornalisti di 18 testate mondiali uniti per onorare la memoria della collega maltese, assassinata lo scorso ottobre da una mano ignota. Questo l’obiettivo del “The Daphne Project” che sarà inaugurato nella giornata di domani

project adv

Il 16 ottobre scorso un’autobomba ha ucciso a Malta la giornalista investigativa Daphne Caruana Galizia, volto noto della carta stampata locale grazie alle sue attività d’inchiesta e anti-corruzione condotte sull’isola. Nonostante la precoce dipartita, però, il nome e l’operato della giornalista sono rimasti vivi nell’immaginario collettivo e da domani la sua memoria sarà onorata grazie al lavoro condotto dai colleghi di 18 testate mondiali, tra cui l’unica italiana è la Repubblica, che per l’occasione saranno uniti nel segno del The Daphne Project.

Nel corso della sua vita Daphne si è concentrata sui legami esistenti tra la Politica e la Finanza nera di Malta, tali da far diventare l’isola uno snodo cruciale per il riciclaggio nel cuore dell’Unione Europea. Le stesse indagini sono state completate nel corso degli ultimi mesi dai vari reporter che hanno aderito al progetto con la finalità di far conoscere a tutto il mondo le notizie che qualcuno voleva nascondere.

I risultati dell’inchiesta saranno completati anche dal film documentario “Daphne” che, accanto al racconto della vita privata della giornalista, contiene i possibili moventi dell’omicidio individuandoli come le chiavi che conducono ai suoi mandanti,tutt’ora ignoti. Il documentario è stato già presentato in anteprima al Festival internazionale del giornalismo di Perugia lo scorso 13 aprile, e sarà trasmesso dai canali Sky Atlantic e Sky Tg24 in simultanea domenica 22 aprile alle 21.15.

Video del giorno