Decreto Crescita: le novità della nuova legge



tav senato Governo
screenshot da YouTube Senato della Repubblica

Decreto Crescita, con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale sono ora ufficiali molte novità in materia di fisco, lavoro e finanziamenti

Il 29 Giugno 2019, con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, è diventato legge il “Decreto Crescita. Il decreto ha avuto l’approvazione finale del Senato con 158 voti favorevoli e 104 contrari. Molte sono le novità introdotte dalla nuova legge, in particolare in materia di fisco, lavoro e finanziamenti.

Le imprese con più di mille dipendenti potranno offrire lo “scivolo pensione” ai dipendenti che hanno maturato due requisiti: sono a non più di 5 anni dal conseguimento del diritto alla pensione di vecchiaia e hanno maturato il requisito minimo contributivo. Taglio di 600 milioni dalle tariffe Inail, con le risorse che saranno prese dal fondo di quota 100.L’Ires passa dal 20,5% al 20% e anche qui le risorse sono attinte dal fondo quota 100.

Per quanto riguarda Alitalia, è stato soppresso il termine del 30 GIugno per la restituzione del prestito di 900 milioni concesso alla compagnia di bandiera. Sulla questione “Mercatone Uno”, ai fornitori è stato concesso l’accesso al Fondo per le vittime dei mancati pagamenti. Lo Stato inoltre si accolla parte dei debiti di Roma Capitale ma parte dei risparmi provenienti dalla rinegoziazione dei mutui di Roma sarà usato per altri Comuni in dissesto.

Radio Radicale riceverà un finanziamento di 3 milioni per l’anno corrente mentre è stato istituito uno specifico “Fondo salva-opere” con l’obiettivo di garantire il completamento delle opere e per tutelare lavoratori e imprese che vantano crediti. I risparmiatori delle banche truffati avranno erogazioni più rapide per rimborsi sotto i 50.000 euro mentre ci saranno eco incentivi per moto e microcar elettriche.

 

Leggi anche