I Desideri presentano il nuovo singolo: è già in vetta alle classifiche



i desideri

Con “Tu si a regina mia” I Desideri vestono i panni di autori. Le loro parole nell’intervista rilasciata a Zon.it

È da qualche giorno online il videoclip della canzone “Tu si a regina mia” de I Desideri, i due fratelli di Marcianise che hanno coinvolto con le loro sonorità pop, rap e dance tanti giovanissimi non soltanto campani. Per la prima volta, nel brano, Salvatore e Giuliano vestono i panni di autori.

“Tu si a regina mia” è una canzone dalle sonorità trap, una serenata contemporanea e romantica, permeata di allegria e dal ritmo travolgente. Da pochi giorni sulla piattaforma digitale la canzone, che vuole essere anche un omaggio a Napoli e alla sua lingua, ha già riscosso ottimi riscontri.

Nel corso di questi anni, i Desideri hanno collaborato con Clementino, alla colonna sonora del film “La scuola più bella del mondo” di Luca Miniero, hanno firmato il primo contratto discografico ed hanno vinto una precedente edizione del Wind Summer Festival. Nell’intervista che hanno rilasciato a noi di Zon, il duo marcianisano ha raccontato del singolo, di come nascono i testi e dei prossimi progetti.

“Tu si a regina mia”, i Desideri nei panni di autori

E’ da qualche giorno online il videoclip del singolo “Tu si a regina mia”, successo musicale del giovane duo I Desideri. Come nascono i vostri testi? Qual è la vostra fonte di ispirazione?

In realtà è la prima volta che ci cimentiamo nei panni di autori, ma è stato tutto molto spontaneo perché alla fine abbiamo voluto raccontare una bella storia d’amore per come noi concepiamo l’amore. Siamo certi di aver rappresentato il pensiero di tanti nostri coetanei, non abbiamo dovuto costruire nulla, la penna quasi andava da sola, solo qualche aggiustamento

Dalla partecipazione con conseguente vittoria al Summer Festival, live e disco. Come e in quanto sono cambiati i Desideri nel corso degli anni musicalmente parlando?

I Desideri sono cresciuti non solo anagraficamente ma anche musicalmente. Le esperienze sul campo ci aiutano a migliorare giorno dopo giorno e gli errori a far sì che non debbano più essere commessi. Siamo carichi di adrenalina e voglia di cimentarci sempre in nuove situazioni, quindi che dire? Siamo solo all’inizio.

Siete molto seguiti. Se dovesse consigliere di ascoltare la musica dei Desideri ad un giovane, perché lo consigliereste? Si può rispecchiare nei vostri testi?

Ovvio! I nostri brani rispecchiano la nostra vita e quella di tanti giovani come noi. Io credo che il riconoscersi nei nostri testi avvenga naturalmente senza nessun tipo di costruzione perché raccontiamo la nostra, la loro quotidianità.

Prossimi progetti? C’è un album?

Tante collaborazioni, tanti progetti e… ho detto niente ma, abbiamo già svelato troppo. Ci tocca aspettare ma, sarà una bella pagina di musica da vivere insieme.

Giovanni Iodice

Leggi anche