Dl dignità, la Confindustria: “Rischia di limitare la crescita per le imprese”



confindustria boccia

Il dg di Confindustria, Marcella Panucci, ha chiesto di revisionare il Dl dignità in quanto potrebbe limitare molto le industrie nella loro crescita

Durante l’audizione in Camera, il dg di Confindustria, Marcella Panucci, ha chiesto di poter rivedere il Dl dignità (decreto di dignità).

“Il decreto, pur seguendo obiettivi condivisibili, rischia di limitare la crescita e non incentiva gli investimenti nelle imprese, questa la motivazione data dal direttore generale.

Per questo motivo dunque la Panucci avrebbe chiesto la revisione del quadro delle regole, affinché si evitino delle brusche retromarce sulle riforme già avviate. Inoltre, il dirigente di Confindustria ha spiegato anche come “il ritorno delle causali possa limitare la durata di un contratto di 12 mesi, rischiando così di generare alcuni effetti negativi sul mondo del lavoro.

Inoltre, Marcella Panucci ha anche parlato dei voucher: “L’abolizione sembrerebbe comportare l’aumento del lavoro intorno al 15%. Dunque sono molti i temi trattati dalla dg di Confidustria che ha chiesto alla Camera di revisionare meglio il Dl dignità, onde evitare disagi nel mondo del lavoro.

Leggi anche