Doctor Who torna questa sera su Rai 4 con la prima parte del finale di stagione.

Doctor Who entra ufficialmente nella fase finale della sua nona stagione con un episodio scioccante: la recensione di ZON.it

[ads1]

Potrebbe interessarti:

NARRAZIONE

[dropcap]”A[/dropcap]ffrontare il corvo” è uno degli episodi più scioccanti ed emblematici della storia di Doctor Who. Siamo nella Londra contemporanea, e Clara e il Dottore vengono raggiunti dalla chiamata di Rigsy (il writer conosciuto in “I graffiti di Bristol” nell’ottava stagione) che chiede aiuto ai due a causa di uno strano tatuaggio comparso sulla nuca che sembra segnare un conto alla rovescia.

I tre iniziano ad indagare sull’accaduto, visto che il ragazzo non ricorda assolutamente nulla della giornata precedente e i dati del suo cellulare ricollegabili a quelle ore sono stati cancellati dal dispositivo. Non vedendoci chiaro, cominciano a cercare una “strada trabocchetto” girando Londra, fino a che Rigsy non recupera un po’ della sua memoria e riesce a scorgere oltre le frequenze che permettono alla suddetta strada di “nascondersi” al resto del mondo, entrandoci e scoprendo che il ragazzo viene mal visto dai suoi abitanti (composti da alieni di ogni tipo) perché considerato un assassino.

A questo punto spunta Ashildr che in qualità di sindaco della strada, controlla l’Ombra Quantistica, materializzata sotto forma di corvo, che prende la vita di chiunque sia stato condannato dal sindaco stesso. Un episodio ricco sia di humor che di momenti toccanti, che dona al telespettatore una delle uscite di scena più toccanti dell’intera serie, con un ritmo concitato e mai lontanamente lento.

Il dottore, Clara e Rigsby ad inizio episodio.
Il dottore, Clara e Rigsby ad inizio episodio

[divider style=”solid” top=”20″ bottom=”20″]
FOTOGRAFIA[dropcap]L[/dropcap]a fotografia di questo episodio rende il colpo di scena finale ancora più angosciante ed emozionante, complici le inquadrature fisse e i primi piani del dottore e la sua companion Clara Oswald.

[divider style=”solid” top=”20″ bottom=”20″]

Colonna-Sonora

[dropcap]C[/dropcap]ome in tutti gli episodi, Doctor Who ci regala sempre colonne sonore spettacolari, ma in questo singolo caso il tutto viene triplicato per via dell’importanza di questa prima parte del triplo finale di stagione che segna l’addio della companion più longeva di tutta la serie moderna di Doctor Who.

[divider style=”solid” top=”20″ bottom=”20″]

Curiosità

[dropcap]L[/dropcap]a 9×10 di Doctor Who presenta il ritorno di due personaggi già incontrati nell’universo della serie britannica: Rigsby, il quale presenta un ruolo molto più serioso rispetto alla sua apparizione precedente, e soprattutto “Me”, la ragazza ormai immortale che, in questo episodio, inizia a rendersi conto degli errori che sta compiendo.

[divider style=”solid” top=”20″ bottom=”20″]

PERSONAGGIO

[dropcap]I[dropcap]l personaggio migliore di questo episodio è sicuramente Clara, la mitica companion del dottore da ormai tre stagioni che, con questo episodio, inizia la sua dipartita. Jenna Coleman ha saputo, nel corso degli anni, rendere la sua “ragazza impossibile” diversa da tutte le altre compagne (pur avendo dei momenti traballanti nella stagione 8) e, soprattutto nella stagione 9, la Coleman ha dato il meglio di sé in quanto a performance attoriale, per cui il suo addio non può fare nient’altro che rattristirci.

[divider style=”solid” top=”20″ bottom=”20″]

Clara Oswald in una delle scene finali della 9x10
Clara Oswald in una delle scene finali della 9×10

In conclusione, il decimo episodio della nona stagione segna, in maniera adeguata e volutamente pacata, la fine di questa stagione epica e ricca di colpi di scena del “New Who”. 

[taq_review] [ads2]

Letture Consigliate