foibe
immagine da pixabay

Istituito dal Parlamento italiano nel 2004, il Giorno del Ricordo delle vittime delle Foibe si celebra il 10 Febbraio di ogni anno

Si celebra il 10 Febbraio di ogni anno, istituito dal Parlamento Italiano con una legge apposita del 2004, il Giorno del Ricordo delle Vittime delle Foibe.

Potrebbe interessarti:

La data prescelta fa riferimento al giorno in cui nel 1947 furono firmati i Trattati di Pace di Parigi, con cui i territori di Istria, Zara, il Quarnaro e l’odierno Friuli Venezia Giulia passarono in mano alla Jugoslavia, all’indomani della sconfitta dell’Italia durante la Seconda Guerra Mondiale.

In questi territori, tra il 1943 e il 1945, fu perpetrato il dramma delle Foibe: i partigiani della ex Jugoslavia fedeli a Tito gettavano tutti i loro oppositori politici, in delle vere e proprie cavità naturali, quando erano morti o addirittura ancora vivi.

In ottemperanza alle attuali norme anti-Covid, la maggior parte delle manifestazioni legate al Giorno del Ricordo si terranno da remoto. Molti gli esponenti politici, che sin dalle prime ore di oggi hanno voluto gettare nuova luce su una ricorrenza storica spesso derubricata; tra questi il Presidente del Consiglio Regionale del Friuli Venezia-Giulia Piero Mauro Zanin che ha scritto:

Per decenni i morti delle foibe sono stati derubricati, costretti quasi alla clandestinità mediatica e negati dalla nebbia storica. Questo non accade più”.

Letture Consigliate