Funghi champignon: i possibili effetti sul diabete

AttualitàFunghi champignon: i possibili effetti sul diabete

I funghi champignon sono in grado di nutrire dei microorganismi, presenti già in natura nell’intestino, che regolano i livelli di glucosio nel corpo umano

Mangiare funghi champignon può apportare delle modifiche nella comunità microbica dell’intestino, generando un miglioramento del glucosio presente nel fegato. Ciò è quanto è emerso da uno studio condotto dall’università della Pennsylvania: questo potrebbe portare al miglioramento della prevenzione non solo del diabete ma anche di altre patologie metaboliche.
Tutto merito della Prevotellamicrobo intestinale capace di originare acidi grassi a catena corta. Lo studio, condotto sui topi, ha rilevato un sostanziale aumento di Prevotella.
La Prevotella  è un batterio intestinale coinvolto attivamente nella produzione di zucchero, negli animali alimentati giornalmente con una porzione di champignon bianchi. Per avere gli stessi benefici, l’uomo dovrebbe assumenerne circa 85g!

Dalla ricerca è emerso che i funghi champignon sono in grado di nutrire degli specifici microorganismi presenti già in natura nell’intestino.

E per quanto riguarda il diabete?

Mangiare una porzione giornaliera di champignon potrebbe aiutare a tenere lontano il diabete. Consumare questi funghi può infatti creare sottili cambiamenti nella comunità microbica nell’intestino, come abbiamo già detto prima, che potrebbero migliorare la regolazione del glucosio nel fegato.

Redazione ZONhttps://zon.it
I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo.

Covid-19

Italia
58,752
Totale di casi attivi
Updated on 23 July 2021 - 18:49 18:49