12 Dicembre 2017 - 21:19

Genoa-Atalanta: analisi e cronaca del posticipo di Serie A

Atalanta

L’Atalanta espugna il “Marassi” vincendo 2 a 1 e conquista i primi tre punti in trasferta. Il Genoa cede nel secondo tempo dopo un buon inizio di partita

Il posticipo della sedicesima giornata della Serie A vede affrontarsi il Genoa alla ricerca di punti importanti per la lotta salvezza e l’Atalanta reduce dalla vittoria contro il Lione che a sorpresa ha garantito alla Dea il primo posto nel girone di Europa League. Le due squadre scendono in campo con le seguenti formazioni:

Genoa(3-5-2): Perin; Izzo, Spolli, Zukanovic; Rosi, Rigoni, Miguel Veloso, Bertolacci, Laxalt; Taarabt, Pandev.

Atalanta(3-4-1-2): Berisha; Toloi, Caldara, Masiello; Hateboer, Cristante, Freuler, Spinazzola; Ilicic, Gomez, Petagna.

Il primo tempo si chiude sul risultato di 1 a 1 con il Genoa che sin dai primi minuti alza il pressing e arriva più volte alla conclusione. Dopo i primi 20 minuti di marca rossoblu, l’Atalanta si sveglia ed incomincia a prendere le redini del gioco con un possesso palla poco veloce che permette alla retroguardia difensiva del Genoa di assorbire bene l’offensiva e ripartire in contropiede. Parte molto bene l’Atalanta nel secondo tempo, concedendo poco o nulla al Genoa e ribaltando la gara a proprio vantaggio. I neroazzuri gestiscono il possesso, subendo qualcosa nel finale.

Cronaca della partita

Al 3′ minuto Laxalt subisce un fallo sulla corsia di sinistra; punizione messa in mezzo da Miguel Veloso, respinge la difesa. Dopo pochi secondi arriva il gol del Genoa al termine di una bella azione sulla destra orchestrata da Taarabt e Pandev che chiudono una triangolazione per poi servire palla a Bertolacci che dal limite dell’area con un sinistro potente e preciso non da scampo a Berisha. Il Genoa gioca bene, mettendo in mostra perfette coordinazioni di movimenti,l’Atalanta sembra subire il colpo.

Al minuto numero 11 prova il tiro Veloso dalla destra dopo uno schema da calcio d’angolo battuto a due da Pandev e Taarabt. Dopo 4 minuti Taarabt con la suola si mette in mostra saltando due uomini, per poi cedere palla a Rosi che sciaguratamente la perde, ma Petagna non ne approfitta, calciando sulla schiena di un difensore. Dal calcio d’angolo nasce la prima vera occasione pericolosa per la Dea, che colpisce la traversa al volo con Freuler. Al 17′ il Grifone va vicino al raddoppio con Laxalt che da 20 metri va vicino al bersaglio dopo un tentativo di rovesciata di Rigoni.

L’Atalanta alza il proprio baricentro costringendo il Genoa a ripartire solo in contropiede. Al 24′ grande parata di Perin su Toloi. L’azione nasce da un fallo di Izzo (ammonito) su Gomez. Proprio l’argentino calcia la punizione, Toloi prende il tempo a tutti, girando di testa e costringendo Perin al miracolo. Al 32′ perde palla Toloi pressato da Rosi, che mette subito un cross teso ma Rigoni non ne approfitta. Al 45′ Petagna si libera bene da Zukanovic (che si lamenta di un fallo), cede il pallone a Ilicic che stoppa di sinistro e conclude in rete di destro, 1 a 1. Gol confermato dal Var, dopo un semplice silent check.

Secondo tempo

L’Atalanta rientra in campo con Palomino al posto di Toloi ed effettua una seconda sostituzione al 53′ minuto, entra De Roon esce Petagna. Al 51′ ribalta la partita l’Atalanta: punizione battuta a due da Gomez e Ilicic, che mette in mezzo un pallone velenoso, Rigoni si addormenta e non vede l’inserimento di Masiello che di testa sigla il gol del 1 a 2. Dopo 4 minuti dal suo ingresso in campo viene ammonito De Roon che era diffidato e salterà il prossimo match con la Lazio.

Al 62′ Pandev  manda in tribuna il pallone dopo un recupero di Veloso e una percussione di Rigoni. Al 66′ entra Lapadula al posto di Laxalt. Poco dopo Palomino evita una possibile occasione del Genoa con un grande anticipo. Altro cambio per l’Atalanta, entra Cornelius per Ilicic al 70′. Al 75′ miracolo di Perin su Palomino che di testa non riesce a chiudere la partita. Entra Omeonga esce Pandev. Cessano i ritmi e diminuiscono le occasioni da gol. Gasperini inserisce Ricci al posto di Rigoni al minuto 83 per dare maggiore vivacità alla manovra.

Il Genoa ci prova, creando delle occasioni, ma non riesce a sfondare la difesa atalantina. L’Atalanta conquista i tre punti e vince la sua prima gara in trasferta. Prima sconfitta per Ballardini.