site logo

Giò Sada vince la nona edizione di X Factor

11 dic 2015 di Chiara Rubino

X Factor – è il 26enne barese Giò Sada ad aggiudicarsi la vittoria della nona edizione del talent, battendo i favoritissimi Urban Strangers

[ads1] Si è conclusa da poco la finale della nona edizione di X Factor Italia. Una puntata ricchissima di emozioni, che ha visto trionfare Giò Sada, indiscusso talento della categoria over, guidata dal giudice Elio.

Giò Sada vince la nona edizione di X FactorLa puntata si è aperta con proprio con l’esibizione del 26enne barese, che ha duettato con Cremonini sulle note del brano “Logico”. “Un cantante che duetta con un cantante” ha commentato orgoglioso Elio. In gara con(tro) Giò il compagno di squadra Davide Sciortino, la piccola star di Skin: Enrica, e la band di Fedez composta da Alessio e Gennaro (Urban Strangers).

Dopo la travolgente carica lasciata dai Coldplay sul palco del Forum di Assago, Cattelan ha chiuso le votazioni, il primo a salvarsi è Giò Sada, resta fuori dalla competizione la rappresentante delle under donna: Enrica, “una delle poche che si è guadagnata il palco puntata dopo puntata, forse il miglior percorso di crescita all’interno del programma”, hanno commentato i giudici.

Inizia la seconda manche, che vede i tre finalisti sfidarsi con il proprio inedito. Giò Sada è l’unico ad aver proposto un brano in italiano. Una scelta rischiosa, un genere lontano dallo stile rock che lo contraddistingue, ma la performance risulta ugualmente impeccabile. Intensità, intonazione, anima. “Il rimpianto di te” non è un banale testo romantico, ma una canzone che parla del legame con le origini e delle difficoltà di chi è costretto a lasciare la sua terra senza poterci far ritorno.

Stop al televoto. Salvi gli Urban Strangers. Tra Davide e Giò Sada il pubblico premia ancora una volta il secondo concorrente.

Parte la finalissima. Giò Sada riveste i panni del rocker dannato esibendosi sulle note di The best of you dei Foo Fighter. Un’esplosione di energia e tecnica, a conclusione di un percorso che questa canzone riesce a rappresentare perfettamente. Tutti i giudici sono concordi nelle loro opinioni: “Giò è nato per stare su un palco”.

Gli Urban Strangers ripropongono invece Oceans di Jay-Z, recuperando un’esibizione falsata da un problema tecnico durante i live. Un ritorno alle origini che ha confermato la loro originalità e il loro “essere pronti” per il mercato discografico. Anche questa volta i giudici sono unanimi: “Tra alti e bassi siete riusciti a conquistare la finale e a scalare le classifiche”.

La conclusione del live, dopo la performance di Elio e le storie tese e del duetto di Mika e Fedez, è stata affidata a Skin con gli Skunk Anansie, finalmente riuniti per l’uscita del nuovo album. Alti momenti di tensione prima del verdetto finale, intervallati per qualche minuto dal ritorno sul palco di Cremonini.

A trionfare è Giò Sada, che ha ricantato il suo inedito tra gli abbracci degli amici e l’emozione della vittoria, meritatissima.

[ads2]