Governo, Conte, Salvini e Bonafede rispondono sull’arresto di Battisti

Conte Salvini Bonafede

Conte, Salvini e Bonafede hanno indetto una conferenza stampa a Palazzo Chigi. E rispondono a varie domande sull’arresto di Cesare Battisti

La cattura di Cesare Battisti è stata ormai assodata. Ma, a proposito, stanno intervenendo Giuseppe Conte, il ministro dell’Interno Matteo Salvini e il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede. Oltre all’argomento principe, il pensiero principale va all’immigrazione e alla cattura del criminale.

La cattura di Cesare Battisti è un grande risultato che dovevamo non solo in astratto perché avesse effettività la giustizia ma lo dovevamo ai familiari delle vittime. C’è stato un grande lavoro di squadra anche con le forze d’intelligence, di polizia, di Interpol, a tutti i livelli. Osservo solo che abbiamo garantito il percorso più sicuro e veloce perché Battisti arrivasse in Italia: ho parlato con il presidente del Brasile e ribadisco il grazie del governo sul cambiamento di rotta che è stato determinato. Grazie anche al Governo boliviano per la collaborazione. Non ho ravvisato una caratterizzazione diversa per quanto riguarda il commissario Avramopoulos e il presidente Juncker. Avere il confronto sull’immigrazione con un ministro greco, Paese che ha sofferto l’immigrazione, mi ha aiutato tantissimo.” ha dichiarato Conte.

Il ministro Salvini ha poi dichiarato: “Stiamo lavorando su altre decine di terroristi: su alcuni abbiamo già riscontri positivi, ovviamente non entro nel merito dei nomi e dei luoghi. Tutto ciò che abbiamo ottenuto di positivo l’abbiamo ottenuto nel rispetto della legge, anche dal punto di vista dell’immigrazione. Il Decreto Salvini resta quello che è. Se poi, i sindaci hanno bisogno di chiarimenti in merito, glieli daremo.

Battisti andrà nel carcere di Oristano.” ha affermato Bonafede.