governo Piattaforma Rousseau Sindacati Fase 2 Autocertificazioni Stato D'Emergenza PD M5S Covid Regioni Natale Draghi Ministri
immagine da Pixabay

Il programma dei primi cento giorni di Mario Draghi sembra continuare quello del Governo precedente. Priorità alla campagna di vaccinazione

Una corsa contro il tempo, che però sembra essere già partita. L’Italia sta già correndo, insieme al suo nuovo governatore Mario Draghi, che ha l’obiettivo di fare in fretta. L’emergenza sanitaria in atto a causa del Coronavirus non pretende assolutamente che ci si fermi a pensare su come sia possibile elaborare una strategia. La cosa più importante che il nuovo premier dovrà fare sarà quella di correre. Oggi il premier ha annunciato i ministri che formeranno la squadra, domani giureranno e la prossima settimana si voterà. Tempi ristretti per procedere con il programma di Governo.

Potrebbe interessarti:

Programma che, del resto, sembra continuare quello precedente. L’obiettivo di Draghi è di intensificare la campagna di vaccinazione, predisponendo un maxi call center per organizzare tutto e una piattaforma digitale apposita. Altro punto focale sarà il Decreto Ristori, che riguarda 32 miliardi destinati a tutti i settori colpiti dalla pandemia, in cui si allunga la Cassa integrazione e si prevede lo slittamento delle cartelle esattoriali di due mesi. Ma questo potrebbe anche cambiare. L’obiettivo, però, è naturalmente restituire gran parte dei soldi persi per la pandemia agli italiani.

Ultimo punto il Recovery Fund. Quest’ultimo sarà in parte riscritto, andrà consegnato entro fine Aprile. Altra priorità sarà la scuola. Draghi allungherà il periodo scolastico all’estate e vorrebbe anticipare a Settembre poi per recuperare il tempo perso. Per il Fisco il problema è la scadenza di febbrai di oltre 50 milioni di cartelle esattoriali. Si dovrebbe procedere comunque ad una riduzione del cuneo fiscale, soprattutto per i lavoratori fino ai 40 mila €. Poi andrà riscritto l’Irpef, ma Draghi ha assicurato che non ci saranno aumenti di tasse. Ci sarà, invece, il taglio di alcuni sconti, come quello operato sulle accise della benzina.

Letture Consigliate