Green pass come in Francia? Le posizioni dei vari leader politici

AttualitàGreen pass come in Francia? Le posizioni dei vari leader politici

Rispetto ad una nuova ondata di contagi in seguito alla diffusione della variante delta in Europa, si ipotizza un ricorso al Green pass

Il Sottosegretario del Ministero della Salute, Pierpaolo Sileri, propone l’obbligo del Green pass per eventi e luoghi pubblici per incentivare le vaccinazioni, in un periodo in cui i nuovi contagi a causa della diffusione della variante delta iniziano a crescere.

Ma non tutte le forze politiche sono d’accordo come Lega, Fratelli d’Italia e M5s, mentre Italia Viva con Matteo Renzi pensa all’obbligo di vaccinazione per personale scolastico e sanitario.

Il Green pass, a parere di molti, è da considerarsi anticostituzionale, ma la possibilità che l’obbligo di esibire l’esito di un tampone in alternativa potrebbe in qualche modo ammorbidire il suo “peso”.

Ma ci sono delle riflessioni da fare. Immaginiamo una famiglia composta da 4 persone, che decide di trascorrere una serata al cinema o al teatro. Quanto graverebbe una misura di questo tipo sul budget economico a disposizione? E quanto invece per quelle persone che sono costrette a non poter far altro che ricorrere al tampone?

Se da un lato il Green pass utilizzato seguendo il modello francese potrebbe invogliare i giovani a vaccinarsi, considerandolo come uno strumento per poter accedere a locali e discoteche, dall’altro esso andrebbe anche a sollevare il problema della privacy.

Nel frattempo, all’indomani dei festeggiamenti dopo la vittoria degli Europei di Calcio, si teme un aumento di contagi in seguito ai numerosi assembramenti in tutta Italia. Non è da escludersi inoltre, una riunione con il Cts per fare il punto sulla situazione epidemiologica, sull’andamento dell’Rt ed una possibile rivalutazione dei parametri di riferimento utilizzato per le zone a rischio non più basso, ma moderato.

Gaudieri Brunella
Ho studiato il tedesco, l´inglese e ho qualche infarinatura di svedese ed arabo. Dopo la laurea triennale in Traduzione e Interpretariato a Napoli mi sono trasferita a Gorizia, poi Trieste, Udine, Klagenfurt am Wörthersee e Vienna. In questi posti ho fatto bellissime esperienze di lavoro, tra cui la traduttrice presso l´ORF. Ho conseguito la laurea specialistica a doppio diploma italo-austriaco in Lingue e letterature straniere ed euroamericane ed ho vissuto tanto tempo lontana dalla mia "comfort zone". Ho incontrato tantissime persone e mi sono avvicinata incuriosita alle loro culture. Mi piace la lettura, il mondo dell´informazione, l´arte e parlo molto bene il tedesco. Sono attenta alle problematiche sociali e sensibile alla tutela degli animali randagi.

Covid-19

Italia
87,285
Totale di casi attivi
Updated on 31 July 2021 - 20:05 20:05