Guerini
Immagine da YouTube

Il Ministro della Difesa Guerini si reca in visita all’ospedale militare della Cecchignola, a Roma, dove verranno vaccinate fino a 2500 persone al giorno, nell’ambito dell’operazione EOS

Il Ministro della Difesa Guerini ha visitato l’ospedale militare della Cecchignola, a Roma, il giorno 18 Febbraio. Scopo della visita era ispezionare le postazioni per vaccinazioni anti Covid-19 realizzate in situ e che permetteranno di vaccinare fino a 2.500 persone al giorno. Le postazioni saranno operative dal 22 Febbraio per il personale delle Forze Armate, e successivamente per la popolazione. Complessivamente ci saranno 32 postazioni, in cui operereranno 40 medici e 70 infermieri di tutte le Forze Armate e dell’Azienda Sanitaria Locale. Le installazioni tengono contro anche delle esigenze di persone disabili o a mobilità ridotta.

Al suo arrivo, il Ministro Guerini è stato accolto dalle più alte cariche delle FF.AA. Tra cui il Capo di Stato Maggiore della Difesa, Generale Vecciarelli e il Comandante del Comando Operativo di vertice Interforze, Generale Portolano. Rivolgendosi al personale e agli alti ufficiali, Guerini ha detto: “ho ritenuto doveroso incontrare i nostri militari che, ancora una volta, silenziosamente, hanno dato prova di efficienza. Qui si tocca con mano quello che la Difesa, con flessibilità e tempestività, è in grado di mettere in campo grazie anche all’esperienza acquisita in questi anni nelle missioni all’estero. Grazie per il sostegno che state dando agli italiani operando con grande professionalità, anche per il programma di vaccinazione“. Del resto, questa è solo una delle molte attività che vedono le forze armate nel fronteggiare la pandemia del Covid-19. Partecipazione fortemente caldeggiata da Guerini sin dall’inizio.

Il centro offrirà servizi sia al personale militare che alla cittadinanza

Il sito, come contatato da Guerini, ospita già uno dei Drive-Through della Difesa, attivo per eseguire tamponi per il Covid-19 alla popolazione. Adesso potrà effettuare anche vaccinazioni, sia al personale militare che ai cittadini. La struttura, infatti, lavorerà insieme al personale della ASL Roma 2 e al famoso Istituto Spallanzani. Il tutto, spiega Guerini, rispettando i criteri del Ministero della Salute, farà parte del piano sanitario nazionale anti Covid-19. L’allestimento ha richiesto solo 3 settimane, grazie all’impegno del Comando Logistico dell’Esercito e numerosi reparti operativi del Genio. Il presidio sarà operativo tutti i giorni, su due turni da 6 ore ciascuno.

La struttura si compone di moduli dedicati alle fasi di pre e post-vaccinazione, più due emergency room. Comprende due distinti settori: uno per gli over 80 e persone con difficoltà motorie e un’altro destinato alla cittadinanza. In più, c’è un parcheggio per ospitare fino a 240 autovetture. Ma c’è di più: in caso di necessità, i Drive-Through sparsi sul territorio nazionale per effettuare i tamponi possono essere riconvertiti per somministrare i vaccini. E continua anche l’Operazione EOS per la distribuzione delle dosi di vaccino che atterrano all’Aeroporto di Pratica di Mare. Come ricorda il Ministro Guerini, l’impegno delle Forze Armate nella lotta alla pandemia è concreto, sostanzioso e irrinunciabile