House Party: Ferilli regina della puntata, De Filippi autoironica e irriverente



House Party

Ieri sera è andata in onda la prima puntata di House Party, nuovissimo prodotto Mediaset  firmato “Fascino” e ideato da Maria De Filippi. Il format ha l’aspetto di un calderone con dentro il meglio dei programmi condotti dalla signora Costanzo

House Party l’inedito sit-show di Canale 5 ha aperto i battenti ieri sera, occupando in maniera piuttosto strabordante la prime time, sino a sforare la “terza serata” (la trasmissione si è conclusa all’una di notte).

Una simpatica e bella Sabrina Ferilli è stata accompagnata da Maria De Filippi attraverso un viaggio fatto di imprevisti, musica, siparietti comici e momenti di commozione. Una formula televisiva apparentemente mai vista, a conti fatti, un vero e proprio mash up del meglio della conduzione televisiva di Maria.

In House Party c’è tanto di Maria De Filippi, è quasi una biografia artistica della conduttrice che nel Format ci ha messo un po’ di tutto: da Amici a C’è posta per te, passando per Uomini e donne fino ad arrivare a qualche sprazzo di Italia’s got talent.

C’è un po’ di Amici di Maria De Filippi nei i quadri meravigliosi di Peparini e del suo corpo di ballo, nelle affiatate coach Elisa ed Emma, quest’ultima tra l’altro ex vincitrice ad Amici insieme con Alessandra Amoroso (Tutte e 3 opsiti della 1° puntata).

Lo stesso giochetto a sfondo didattico e “anatomico” dalle contenute e allusioni sessuali costruito con la partecipazione dell’ospite internazionale Patrick Dempsay non può fare a meno di ricordare l’intro dalla vena divertente che caratterizza ormai da qualche anno l’inizio delle sfide ad Amici. house-party

Tra gli ospiti anche Giorgio Panariello che nel suo monologo non ha dato il massimo, un Morandi dal solito atteggiamento fresco e da bravo ragazzo che con chitarra alla mano ha riproposto un revival delle sue più belle canzoni, senza dimenticare di omaggiare il grande Lucio DallaHouse Party

E non poteva mancare lo sketch Totti-Ferilli dello streap in riferimento a vecchie reminiscenze da scudetto che assieme con l’intervento di Enzino Iacchetti nelle vesti di una irriverente San Pietra pronta a giudicare tutti i peccati della De Filippi, richiama gli intramezzi alla Tina Cipollari che siamo abituati a vedere a Uomini e Donne.

A seguire l’incontro strappa lacrime tra la Ferilli e sua madre, con tanto di lettera letta al pubblico con il fiato trattenuto che rimanda invece alle atmosfere di C’è Posta per te, l’intervento commovente di Fiorella Mannoia che per l’occasione ha intonato La Cura di Battiato.

Discreto Edoardo Leo che ha smesso i panni dell’attore e del regista per improvvisarsi entertainment. Leo ha messo su una cerimonia da Oscar alla “buona” con una Ferilli premiata e costretta al famoso discorso finale di ringraziamento, accompagnata da un Brad Pitt pescato a caso dal pubblico, un signore distinto e dalla folta chioma canuta.

Altro ospite musicale Francesco De Gregori che con La nostra storia ha introdotto tra le righe la straziante coreografia di Peparini dedicata alla violenza contro le donne, sulle note di Mi sono innamorato di te, reinterpretata dall’inedito trio Amoroso-Marrone-Toffoli.

Spazio anche alla riflessione con Roberto Saviano che ha spiegato in poche battute il centro narrante del suo ultimo libro La Paranza dei bambini, probabilmente il momento più alto della serata e promosso a pieni voti per capacità di sintesi e per intime sfumature toccate.

Veniamo alle somme: la puntata debutto di House party è stata vista da una media di 4.3 milioni di spettatori (share del 22.15%). La lunghissima serata ha registrato picchi di quasi 6 milioni di spettatori e uno share del 26%, addirittura il segmento finale del programma (dalle 24.40 all’1) è stato seguito da circa 1 milione e mezzo di utenti ancora svegli, toccando più del 23% di share.

Non male per un programma che fondamentalmente di innovativo non ha niente, ma forse è stata proprio la trovata del dejà vu a vincere, perché il già noto infonde sicurezza. Infondo lo spettatore sa bene che con Maria De Filippi di mezzo il successo è assicurato.

 

 

Leggi anche