Marino

Il sindaco di Roma, Marino, si indigna per le continue critiche della stampa

[ads1]

Potrebbe interessarti:

Se gli scandali di Mafia Capitale non hanno risparmiato la reputazione della giunta romana di centro-sinistra, certamente non meno dure sono state le reazioni di giornali e televisioni nei confronti della visita di Ignazio Marino a Philadelphia. Nella città, Sua Santità ha presieduto all’incontro organizzato per le famiglie cattoliche. Per l’occasione, lo stesso sindaco si è recato sul posto, affermando, secondo alcune testate, di essere stato invitato dallo stesso Papa Bergoglio. Quest’ultimo ha sconfessato tali dicerie, dichiarando che Marino non sia stato invitato né da egli stesso, né dagli organizzatori, bensì si sarebbe trattato di una visita spontanea.Marino

L’ormai bersagliato reggente dell’urbe si è difeso dalle accuse di strumentalizzazione politica e ha inoltre asserito di essere stato invitato dal sindaco di Philadelphia. Ed ecco che, nuovamente, si ripresenta una nuova versione dei fatti. Sembrerebbe che la stampa non abbia altro di cui argomentare, o quanto meno è ciò che lo stesso Marino sostiene: “Sono stufo di queste polemiche che vengono create ad arte per danneggiare l’immagine di Roma (…), non si vuole insomma vedere il lavoro di cambiamento nella nostra città, oppure si vorrebbe fermarlo, tuttavia fermarlo significherebbe non danneggiare Ignazio Marino ma danneggiare Roma”.

Si potrebbe dunque affermare che il sindaco di Roma sia vittima di paranoie giornalistiche, provocate non tanto dalle azioni dello stesso, quanto, forse, da quelle di un cattivo entourage politico quanto da quelle di un presidente del governo e compagno di partito incline a trascurare volentieri i problemi del Paese per un match di tennis negli USA.

[ads2]

Letture Consigliate