inter
immagine da Instagram Zhang

Nikos Stathopoulos, top manager di BcPartners, è uscito pubblicamente allo scoperto: “Non c’è ancora l’accordo ma siamo interessati”

Dopo il terremoto che ha scosso le fondamenta societarie del gruppo Suning nelle ultime settimane, dalla dimissione dei settori non strategici passando per i problemi di liquidità concludendo con il fallimento dell’altra squadra calcistica guidata dal gruppo (lo Jiangsung Suning), le ultime dichiarazioni di Niko Stathopoulos, top manager del fondo londinese BcPartners, rappresentano una vera e propria boccata d’ossigeno ad Appiano Gentile.

Potrebbe interessarti:

In un intervista all’agenzia di stampa “Bloomberg” Nikos Stathopoulos, ha dichiarato “Interesse per l’Inter? Ovviamente non posso commentare accordi non avvenuti ma certamente stiamo valutando si investire nell’industria dello sport, che sia una lega o la proprietà di un club. E il club – continua il manager greco – dovrebbe essere un club con alte possibilità di competere ad alti livelli

Dichiarazione importanti che arrivano in un momento della stagione cruciale per i nerazzurri che si apprestano a vivere un mese fondamentale sia in campo che per il futuro societario.

Il 31 marzo, infatti, è il termine ultimo concesso dalla Uefa per ottenere la licenza per le coppe europee 2021/2022. Va di per sé che entro questa data Suning deve prendere una decisione definitiva.

Le opzioni sul tavolo sono due: accettare l’offerta di BcPartners subito cedendo la maggioranza azionaria del club o cercare di ottenere un prestito di circa 200 milioni per coprire le spese ordinarie e straordinarie da qui fino a fine stagione per poi cercare una soluzione definitiva a fine stagione.

A rendere la decisione più difficile c’è sicuramente la possibilità, mai come quest’anno, di puntare a vincere lo scudetto che coronerebbe il lavoro della società cinese di questi anni. Lavoro che riporterebbe l’Inter a vincere un trofeo dopo 11 anni di astinenza e due passaggi di società.

L’offerta del fondo londinese, arrivata alla cifra definitiva di 800 milioni di euro per il pacchetto di maggioranza del club nerazzurro, però, ha un tempo limite e le dichiarazione del manager greco non appaiono affatto casuali.

Il tempo a disposizione di Suning, che ha sempre mostrato grandissima serietà nei confronti dell’Inter, sta finendo e nelle prossime settimane sapremo il destino societario dell’attuale capolista: vendere tutto o rilanciare per vincere lo scudetto?

Letture Consigliate