Italia al terzo e quarto posto in Europa per uso di cannabis e cocaina



L’Italia, secondo un rapporto dell’Agenzia delle droghe, si trova al terzo posto per consumo di cannabis e quarto per quello della cocaina. Aumentano però i decessi per overdose

Secondo il rapporto dell’Agenzia delle Droghe l’Italia si trova al terzo posto per consumo di cannabis ed al quarto per quello di cocaina in Europa. Nel primo caso la percentuale è stabile, ma in via di aumento, nel secondo ci sono delle differenze tra i paesi.

Altro discorso per l’ecstasy che, pur restando invariata, fa registrare degli aumenti, ma soprattutto aumentano i decessi per overdose, soprattutto in Gran Bretagna

Percentuali di cannabis e cocaina

In Europa la cannabis è sicuramente lo stupefacente più largamente utilizzato. In Italia, la percentuale di giovani tra i 15 ed i 34 anni è stata del 20,7%, superata soltanto dalla Francia, con il 21,5%. 

La cocaina invece viene consumata maggiormente fra gli inglesi (4%), ai quali seguono i danesi (3,9%) ed olandesi (3,7%). I giovani italiani l’hanno impiegata nell’1,9% dei casi.

I dati dell’ecstasy

Nel 2017 l’Europa  l’Italia ha registrato un basso consumo di ecstasy, solo il 2,6 %, a fronte del 9,2% di Irlanda e Olanda, 9% del Regno Unito, 7,1% della Repubblica Ceca e del 4,2% della Francia.

I paesi che detengono il monopolio della sua produzione sono Paesi Bassi e Belgio, con 11 laboratori scoperti e distrutti solo nel 2015.

Ma pare che le sostanze valicassero persino i confini europei: la Polizia Australiana ha dichiarato che il maggior quantitativo di ecstasy provenisse dall’Europa e si ha avuto il picco nel 2010.

I paesi più a rischio

Regno Unito e Galles sono i paesi con livelli più preoccupanti di consumo di droga. Eroina e morfina sono state cause accertate di 1,117 casi di decesso per overdose, e sono in aumento rispetto al 2015 del 18% e del 2013 del 44%.

È allarme anche per la Scozia, con un aumento del 37% ed a seguire anche la Francia, con un livello raddoppiato del 30%.

Leggi anche