Turturro, il volto camaleotico del cinema da Spike Lee ai Coen

Prima Pagina Turturro, il volto camaleotico del cinema da Spike Lee ai Coen

Oggi compie 60 anni John Turturro, newyorkese d’eccellenza con antiche radici italiane. Un regista interessante quanto attore brillante, ironico ed iconico, capace di dare risalto nell’immaginario collettivo anche a dei piccoli ruoli. #AccadeOggi

Turturro, volto camaleotico di Spike Lee e dei CoenJohn Turturro, nato a Brooklyn il 28 febbraio 1957 e cresciuto nel Queens, è figlio di una cantante jazz e di un immigrato siciliano, carpentiere e veterano della seconda guerra mondiale, la cui storia è stata d’ispirazione per il suo esordio dietro la macchina da presa nel 1992 con Mac. Fedele alle origini, continua a vivere nello stesso quartiere in cui è nato, melting pot di tradizioni italiane, ebree e africane.

- Advertisement -

Volto di un’istrionico caratterista, loquace e pungente, acceso da improvvisi e sarcastici scoppi d’ira, Turturro è l’emblema della New York italoamericana, grottesca e malinconica, violenta e piena di contraddizioni. Le sue caratteristiche non sono sfuggite a Spike Lee e ai fratelli Coen, che ne hanno fatto una sorta di feticcio.

Turturro, volto camaleotico di Spike Lee e dei CoenAgli esordi Turturro, che aveva iniziato con il teatro, fu notato da Robert De Niro, che gli suggerì di fare un provino per Toro scatenato di Martin Scorsese: nonostante si fosse dimostrato capace, allora fu solo una dimenticata e fugace apparizione.

- Advertisement -

Una carriera attoriale iniziata tra alti e bassi nel 1980, costellata da un centinaio di ruoli, che pur non da protagonista, sono rimasti impressi nell’immaginario comune: da Il colore dei soldi di Scorsese ad Hannah e le sue sorelle di Woody Allen.

Le sue memorabili connotazioni si esprimono al meglio a partire dal 1987, ne Il siciliano di Cimino e in Five Corners di Tony Bill, dove Turturro rivela una forse inaspettata intensità. Spike Lee ne resta affascinato e lo scrittura per il razzista e triviale italoamericano Pino di Fa’ la cosa giusta (1989), segnando l’inizio di una proficua collaborazione.

Turturro, volto camaleotico di Spike Lee e dei CoenAppena un anno dopo, con il gangster ebreo Bernie Bernbaum di Crocevia della morte, si apre l’altra duratura collaborazione con i fratelli Coen: seguiranno le interpretazioni cult di Jesus Quintanane, l’iconico dio pederasta del bowling de Il grande Lebowski (1998) e di Pete di Fratello dove sei? (2000)farsesca “odissea” country nella Mississipi della depressione degli anni ’30.

- Advertisement -

Turturro, volto camaleotico di Spike Lee e dei Coen
Scena tratta da “Passione”

Dai ghetti newyorkesi di Clockers (1995) di Spike Lee, Turturro approda all’emaciato ruolo di Primo Levi ne La tregua (1997): un film che segnerà un imprescindibile legame, alla ricerca delle radici paterne, con l’Italia e il suo “cinema”, al momento all’apice con il ruolo del 2015 di una narcisista star americana in Mia madre di Nanni Moretti.

Significativi sono anche i lavori registici legati all’Italia: Prove per una tragedia siciliana, accorato documentario sulla terra natale dei nonni, narrata da Camilleri e fotografata da Marco Pontecorvo; e Passione (2010), vivace e sentimentale sguardo sulla cultura musicale e popolare partenopea, affrescata nell’imperscrutabile fascino disincantato da Raiz, Massimo Ranieri, Peppe Servillo e Fiorello.

- Advertisement -
Avatar
Rossella Della Vecchiahttps://zon.it
Classe 1986, specializzata con lode in Storia dell'Arte Contemporanea [cattedra di Carla Subrizi, La Sapienza] con la tesi “Trouble Every Day: Tous Cannibales, la voracità da tabù ad arte, dall’arte alla società”. Da sempre interessata all’arte come alla scrittura, e alla comunicazione in genere, scrive di cultura, politica e attualità. Storica dell’Arte, esperta SEO e freelancer per vocazione, attualmente collabora anche con Artribune e Tiragraffi Magazine. Da marzo 2013 cura un personale blog sull’arte: ArtFriche Zone. “Soltanto quando il senso di associazione nella società non è più abbastanza forte da dare vita a concrete realtà, la stampa è in grado di creare quell’astrazione, il pubblico” (Dwight MacDonald).

Covid-19

Italia
142,739
Totale di casi attivi
Updated on 21 October 2020 - 09:26 09:26