Juventus
Foto: Facebook Juventus

Barcellona-Juventus 0-3, i blaugrana perdono al Camp Nou dopo sette anni. Ci pensano Ronaldo e una meraviglia di McKennie

La Juventus conquista la vittoria al Camp Nou con un netto 0-3 che le permette di ottenere il primo posto nel girone. I blaugrana escono sconfitti dalla propria casa dopo ben sette anni. Buffon si regala anche l’imbattibilità. Ronaldo batte Messi nel suo tempio.

La Vecchia Signora parte subito aggressiva costringendo il Barcellona a difendersi dietro la linea della palla per i primi 25 minuti. Morata subito fa capire la sua importanza, sia per le ripartenze in contropiede sia per la profondità. Lo spagnolo è “on fire” e anche Ronaldo ci guadagna. Il copione della partita cambia al 13′, quando il direttore di gara concede un penalty molto dubbio su Ronaldo, il portoghese dal dischetto non cambia. La Juventus aumenta il pressing e mette i padroni di casa alle corde. Unico tiro in porta un sinistro di Messi che Buffon disinnesca.

L’arbitro non vede un fallo di mano di Pjanic e neanche il Var. Al 20′ capolavoro targato Juventus: Ramsey elude l’intervento difensivo e gira per McKennie, l’americano serve Cuadrado che di prima con un cross al bacio restituisce palla al centrocampista, bravo a sfondare la porta con una acrobazia. Ancora una volta il colombiano mette il suo zampino nel gol bianconero, dopo i due assist contro il Torino.

Nella ripresa la Juventus non cambia atteggiamento e mette paura alla difesa del Barca con Morata. Al 52′ Lenglet compie un’ingenuità e colpisce il pallone di mano, tocco che sfugge al direttore di gara, ma questa volta ci pensa il Var a concedere il rigore. Ronaldo è impeccabile e gonfia la rete. Unico neo la mancata espulsione del difensore. Arthur gestisce il possesso e McKennie corre per due, una mediana perfetta al Camp Nou.

Pirlo cambia i sui uomini e si copre in modo egregio. I bianconeri concedono le uniche occasioni a Messi, con dei tiri dalla distanza che però non trovano impreparato Buffon. Bonucci, De Ligt e Danilo insuperabili, sempre lucidi nel chiudere le diagonali e fornire raddoppi. Oltre ad una ottima aggressività nel recuperare il pallone, sopratutto con De Ligt.

Fotografia della partita un grande recupero difensivo si Ronaldo proprio su Messi. Bonucci firma il quarto gol ma il Var lo annulla per fuorigioco. La Juventus conquista l’Olimpo e va da prima agli ottavi di finale.

IL TABELLINO

MARCATORI: 13′ e 52′ rig. Ronaldo, 20′ McKennie

BARCELLONA (4-2-3-1): Ter Stegen 6.5; Dest 5.5, Lenglet 4 (56′ Umtiti 5), Araujo 5 (82′ Mingueza sv), Jordi Alba 6 (56′ Junior Firpo 5.5); De Jong 5.5, Pjanic 5; Trincao 5.5 (46′ Braithwaite 5.5), Messi 5, Pedri 5.5 (66′ Puig 5.5); Griezmann 4. All. Koeman 4

JUVENTUS (3-4-1-2): Buffon 7; Danilo 6.5, Bonucci 7, de Ligt 6.5; Cuadrado 7 (86′ Bernardeschi sv), Arthur 6.5 (71′ Bentancur 6), McKennie 8, Alex Sandro 6.5; Ramsey 6.5 (71′ Rabiot 6); Morata 7.5 (85′ Dybala sv), Ronaldo 7.5 (91′ Chiesa sv)All. Pirlo 8

NOTE: ammoniti Jordi Alba (B), Lenglet (B), Morata (J), Umtiti (B), Danilo (J)