tik tok
pixabay

Tik Tok prende posizione, vietando l’accesso ai minori di 13 anni. Via a nuovi sistemi di intelligenza artificiale in grado di verificare l’età

Dopo i drammi che hanno coinvolto perlopiù i giovanissimi del mondo, spesso causati da challenge estreme diramate sulla celebre app cinese, Tik Tok decide di schierarsi. Oltre al divieto di accesso ai minori di 13 anni, Tik Tok metterà in campo nuovi e sofisticatissimi sistemi di intelligenza artificiale, in grado di verificare la veridicità delle informazioni, giocando a un passo dalla violazione alla privacy.

Sensibilizzazione

In avvio, anche una campagna informativa per affrontare il problema ormai ingombrante, che assilla i giovanissimi di tutto il mondo. Informazione e sensibilizzazione, questa è la scelta adottata dai manager della famosa app, forse messi alle corde dalle numerose tragedie che hanno coinvolto il sistema e i suoi giovani utenti. Le nuove misure saranno ovviamente sottoposte a verifica delle autorità, come confermato dal Garante privacy in cui chiarisce che: “a partire dal 9 febbraio, Tik Tok bloccherà gli utenti italiani e chiederà di indicare nuovamente la data di nascita prima di continuare ad utilizzare l’app“.

Gli utenti al di sotto di 13 anni saranno immediatamente rimossi dall’app. Ovviamente, per poter essere certi di aver identificato una violazione, la società si impegna ad affiancare ai sistemi di intelligenza artificiale, grande cautela per il diritto alla privacy dei minori, collaborando con l’Autorità privacy dell’Irlanda e avviando un processo di age verification.