Le Iene: dopo il viaggio con Simone, come sta Natan?

Le Iene: natan e simone
Screen dal video de Le Iene

Dopo il viaggio con il motociclista Simone, Le Iene si chiede come sta Natan. Le promesse e i propositi erano dei migliori, ma adesso che persona è?

Una volta rientrato in Italia, Natan viene accolto da una clinica Svizzera. Le Iene hanno deciso di scoprire il percorso che, dopo il viaggio intrapreso con il motociclista Simone, ha deciso di iniziare.

La prima persona alla quale si rivolgono è proprio Simone che si commuove sempre quando parla del 15enne ex tossicodipendente. La situazione dopo il viaggio sembrava molto pesante, ma comunque propositiva. A quanto pare però la situazione non è sicuramente delle migliori. Natan, da quando è tornato, per quanto sembra aver chiuso con la maggior parte delle droghe pesanti, sembra ancora insoddisfatto della vita e anche aggressivo e violento.

La soluzione sarebbe una struttura che costa all’incirca tra i 9/10mila franchi al mese. Un costo eccessivo, che la madre di Natan è impossibilitata a sostenere. Così nasce l’appello da parte del programma televisivo: chiunque abbia la possibilità si sostenere le spese economiche o sia responsabile di una struttura, chiusa, sorvegliata, in cui possa essere curato senza alcun tipo di utilizzo di stupefacenti, contatti il programma e dia al più presto il proprio supporto al 15enne.