Torre di Belém

Lisbona: cosa vedere in una settimana o in un week-end nella capitale del Portogallo

[ads1]

Elegante, incantevole, affascinante; Stiamo parlando di Lisbona, la splendida capitale del Portogallo. Ecco tutti i consigli su cosa vedere, dove andare e come spostarsi.

Che abbiate a disposizione solo un week-end o un’intera settimana, Lisbona è una città che vale assolutamente la pena visitare. Appena giunti lì sarà impossibile non restare colpiti dai suoi mille colori, dalla sua eleganza e dalle sue strade up&down. Guarda il video: clicca qui.

La prima cosa da sapere prima di partire, è che Lisbona è suddivisa in Bairros, ossia quartieri, di cui i più importanti che vale la pena visitare, tempo permettendo, sono almeno quattro: Bairro Alto, Alfama, Baixa e Belem;

La Baixa ( così chiamata perchè è la parte “bassa” di Lisbona) rappresenta il centro nevralgico della città; completamente ricostruita dopo il terremoto del 1755, è costituita da un’infinità di strade a scacchiera piene di bar, ristoranti, palazzi eleganti e negozi, per soddisfare ogni genere di shopping. Passeggiando per le sue strade potrete ammirare Piazza del Rossio, una delle più antiche ed importanti, la stazione Rossio e l’elevator de Santa Justa, un vero e proprio precursore degli ascensori moderni; percorrerete poi Rua Agusta, la via principale, che vi condurrà fino al meraviglioso Arco Triunfal da Rua Augusta, per poi sbucare nella Praça do Comércio, conosciuta anche come Terreiro do Paço ossia Piazza del Palazzo, poiché era qui che si ergeva il Palazzo Reale Ribeira prima di essere distrutto dal grande terremoto, e potrete ammirare il fiume Tejo .

Alfama è invece il quartiere più antico è originale della città; Questa parte di Lisbona, infatti, è sopravvissuta intatta al grande terremoto del 1755, conservando illeso tutto il suo antico fascino. Pieno di locali tradizionali dove gustare le ottime pietanze portoghesi e ascoltare il malinconico Fado, offre vari “miradouri”, ossia terrazze panoramiche da cui è possibile ammirare nella sua piena bellezza l’intera città. Ed è qui che troverete la Cattedrale Sè di Lisboa ed il Castelo de São Jorge. Il mio consiglio è di posare la cartina e camminare senza meta per le tante stradine colorate, dove potrete ammirare antichi azulejos e graffiti di streeart. Da non perdere anche un giro in tram, che al costo di 3,60 euro vi porterà su e giù a zonzo per le strette e affascinanti strade.

Ed è sempre qui che potrete trovare anche il Lavadouro Publico, dove le persone continuano nell’antica usanza di lavare i vestiti a mano. Guada il video: clicca qui.

Bairro Alto è invece conosciuto come il quartiere degli artisti e della vita notturna giovanile; è qui che potrete trascorrere le vostre notti vivaci, fra i tanti bar situati lungo tutte le strade; potrete inoltre assistere alle meravigliose performance di molti artisti di strada, nonché trovare librerie antiche e negozi di antiquariato. Per arrivarci dalla Baixa vi attendono ripide strade in salita, che però ricompensano la fatica con le loro splendide vedute.

Assolutamente da provare la ginja, il tipico liquore portoghese ottenuto dalla ginja, un frutto simile all’amarena, che viene solitamente servito in un bicchierino di cioccolato.

Situato invece nella periferia di Lisbona, vi è il quartiere di Belèm, che tradotto infatti significa Betlemme. Per arrivarci sarà necessario prendere il treno alla stazione di Cais do Sodré, che vi condurrà lì in soli 10 minuti al costo di 2,2 euro. Numerosi sono i monumenti da visitare, prima fra tutti la meravigliosa Torre di Belèm, riconosciuta patrimonio dell’umanità dall’UNESCO, la quale venne fatta costruire da re Manuel I in onore alla scoperta delle Indie; essa, infatti, si erge nel punto esatto in cui salpò Vasco de Gama.

Vi è poi il monumento alle scoperte, il Monastero dos Jerónimos e molti musei.

E’ d’obbligo una sosta alla storica pasticceria Belém per gustare il tipo dolce portoghese pasteis de nata, fatto con pastafrolla e crema, che qui prende il nome di pasteis de Belém.

Pasteis de nata
Pasteis de nata

E per concludere, potrete godervi una lunga passeggiata lungo il fiume Tago, arrivato ormai alla sua foce e che si appresta a sfociare nell’Oceano, ed ammirare il Ponte 25 de abril.

Bagnata dal fiume Tago, Lisbona possiede infatti due imponenti ponti, il Ponte 25 de abril, che si estende per quasi 2 km e venne costruito dall’American Bridge Company, la stessa compagnia che si occupò della costruzione del famoso Golden Gate Bridge di San Francisco, ed il Ponte Vasco da Gama, inaugurato nel 1998 in occasione dell’ Expo98.

E se ve lo siete persi, ecco il video dell’evento spettacolare tenutosi in Praça do Comércio, un videomapping con cui è stata ricostruita la storia della città e dei suoi protagonisti; Guarda il video: clicca qui.

Da non perdere assolutamente, sono anche due gite fuori-porta per ammirare i castelli e parchi di Sintra, e per godere della spiaggia di Cascais, entrambe raggiungibili in circa 30 minuti di treno. Quello per Sintra parte dalla stazione Rossio, mentre quello per Cascais dalla stazione Cais do Sodré, entrambi al costo di 2,2 euro.

Leggi gli articoli dedicati: Cascais clicca qui; Sintra clicca qui.

[ads2]