L’Isis avanza ed il web ci ride su!

web

Il web ride con video di fake bombe mentre l’Isis affina il suo piano del terrore: un tentativo goliardico o l’allerta è davvero  bassa?

Sul web l’allarme, lanciato da alcune fonti vicine al disastro aereo in Egitto, è chiaro: il meccanico dell’EgyptAir era molto vicino ad un militante dell’Isis e potrebbe esser stato quindi lui ad aver messo la bomba sull’aereo russo. Le fonti sottolineano che il legame tra il meccanico ed il militante fosse appunto un legame familiare: il meccanico avrebbe ricevuto ordini da un suo cugino ed agito senza fare troppe domande, anche con l’aiuto di due poliziotti inspiegabilmente ignari di tutto. “Lo Stato islamico, venendo a conoscenza che un parente di uno dei loro affiliati lavorava all’aeroporto, ha dato a questa persona una bomba in una borsa”: una borsa, quasi identica a quella che compare nei video su menzionati.

Web vs IsisLa moda dei social network, del condividere stati d’animo e realizzare dei veri e propri tribunali virtuali sul web ha portato anche a questo; l’idea di alcuni ragazzi di realizzare dei video amatoriali per sdrammatizzare con allegria su una delle questioni più ostiche degli ultimi mesi. Mentre la politica di sicurezza internazionale è in crisi, ci pensa il black humor a lasciare un sorriso (amaro) sul volto della popolazione mondiale.

Difatti, pare sia stato proprio questo il tentativo degli ideatori di questa serie di scherzi poco simpatici a danno di alcuni malcapitati passanti: lanciando una valigetta in un parco, o una borsa sull’uscio di un’abitazione, ecco scattare l’allarme e i destinatari dello scherzo corrono via per mettersi al riparo da un’esplosione che in realtà non danneggerà alcunché. Una moda virale come tante altre sul web che però potrebbe rivelarsi un’arma a doppio taglio; gridando “al lupo, al lupo!, il rischio è quello di cadere in un vortice preoccupante, nonché pericoloso, in cui potremmo persino scambiare un futuro attentato per un banale scherzo.

L’Isis è una minaccia a tutti gli effetti, con un reale quartier generale che commissiona attentati e impartisce istruzioni, ed i governi presenti sul globo non riescono ancora a sovrastarla in alcun modo. Con l’ultima notizia riguardante un’ipotetica flotta marittima pronta ad attaccare le navi da crociera, chissà quale sarà la prossima macabra trovata del web.