Loki, la recensione: “Per tutti i tempi. Per sempre”

Prima PaginaLoki, la recensione: "Per tutti i tempi. Per sempre"

Si è conclusa la serie Loki su Disney+. Il terzo prodotto seriale di casa Marvel non delude le aspettative. Adesso cosa ci riserva il futuro?

Per Loki gli elogi si sprecano. La serie tv incentrata sul Dio dell’Inganno tiene gli spettatori incollati allo schermo dalla prima all’ultima puntata per poi esplodere in un climax incredibile sul finale.

Trama di Loki

Loki, Dio dell’Inganno, viene sconfitto dagli Avengers al termine della furiosa Battaglia di New York (The Avengers – 2012). A seguito di una colluttazione riesce a svignarsela portando con sé il Tesseract e diventando preda della TVA (Time Variance Authority), un agenzia spazio-temporale che ha come obiettivo la cancellazione delle “varianti” (fuggitivi tra le linee del tempo). Loki, in quanto variante, viene catturato nei primissimi minuti del primo episodio e fa la conoscenza di Mobius, interpretato magistralmente da Owen Wilson. Da quel momento in poi tra i due nasce una singolare collaborazione che li porterà ad indagare sul più grande mistero che si nasconde dietro il tempo stesso.

Punti di forza della serie

Loki riesce facilmente a tenere lo spettatore incollato allo schermo per tutti gli episodi. Tra i punti di forza emerge innanzitutto la credibilità scenografica. I costumi, gli oggetti di scena e le musiche sono decisamente coerenti con l’ambientazione, in particolar modo con riferimento alle riprese negli uffici della TVA.
Gli attori si sono calati alla perfezione nella parte. Una su tutte è sicuramente la meravigliosa Sophia di Martino nei panni di Sylvie (un’altra variante temporale dello stesso Loki).
La trama della serie è originalissima e dinamica. Al netto di una fase iniziale “di studio” il prodotto prende decisamente il decollo sul finire del secondo episodio. Da quel momento in poi le vicende narrate sono un’autentica giostra di emozioni fino ad arrivare all’episodio finale, vero capolavoro della serie.

Lati negativi

I lati negativi di Loki non sono molti. Come già anticipato, i primissimi episodi prestano un po’ il fianco a cali di attenzione ma il tutto è giustificato dalla gigantesca mole di informazioni da fornire agli spettatori. I personaggi secondari vengono messi forse un po’ troppo in ombra per dar risalto alle figure di spicco della serie che fanno decisamente decollare il prodotto.

Conclusioni

In conclusione Loki è un prodotto estremamente interessante, forse il più singolare di casa Marvel su Disney+. Il finale aperto lascia sicuramente intendere che ci sarà una seconda stagione, ma le conseguenze degli eventi narrati saranno sicuramente necessari ai fini della comprensione di quanto accadrà nei prossimi film in uscita al cinema e sulla piattaforma di streaming online.

Michele Mastia
Dottore in giurisprudenza e praticante avvocato presso il Tribunale di Salerno. Scrivo di calcio. E amo Batman: nessuno ci hai mai visti contemporaneamente nella stessa stanza.

Covid-19

Italia
97,220
Totale di casi attivi
Updated on 5 August 2021 - 04:12 04:12