M5S, espulso il candidato sindaco di Cagliari Murenu

cagliari
foto da Google Maps

Il Movimento 5 Stelle ha espulso il candidato sindaco di Cagliari Alessandro Murenu a causa di alcuni suoi posto contrari ad aborto e unioni civili

Colpo di scena clamoroso in vista delle elezioni Comunali di Cagliari del prossimo 16 Giugno. Il Movimento 5 Stelle non avrà infatti il proprio candidato dopo l’espulsione di Alessandro Murenu dal partito a seguito dei suoi post su Facebook contrari ad aborto e unioni civili.

Il post che più ha fatto discutere recitava “Chiamare l’aborto un diritto delle donne è come chiamare la lapidazione un diritto dell’uomo“. Alle ore 17 di ieri il suo account è stato rimosso dal social network ma la polemica era già dilagata. “Ci sono valori che fanno parte del DNA del Movimento. Oggi intendiamo prendere le distanze dal candidato Sindaco di Cagliari. Ci vuole rispetto per la donna, ma soprattutto coerenza” questa la nota ufficiale con la quale il M5S ha comunicato l’espulsione di Murenu.

Torna così a riaprirsi all’interno della maggioranza di Governo lo scontro sul tema aborto e unioni civili che aveva tenuto banco poche settimane fa durante il Congresso Mondiale delle Famiglie di Verona. Da una parte la Lega, sostenitrice del Congresso, e dall’altra il M5S, da sempre in prima linea per la tutela dei diritti civili e dei diritti delle donne.