Massimiliano Bruno, ospite alla 7a del GFF

Prima PaginaMassimiliano Bruno, ospite alla 7a del GFF

Il poliedrico regista Massimiliano Bruno è il primo ospite della settima giornata del Giffoni Film Festival

[ads1]

Il buongiorno si vede dal mattino. La settima giornata del Giffoni Film Festival è caratterizzata da un cielo sereno con un sole che spacca le pietre.

Il primo ospite di giornata è Massimiliano Bruno nonché poliedrico autore, attore e regista. Ai molti noto per il film “Nessuno mi può giudicare” (miglior opera prima nel 2011) interpretato dai Paola Cortellesi, Roul Bova e Rocco Papaleo. Il suddetto film firma anche l’esordio nella regia cinematografica.

Lo stesso Massimiliano è stato autore di svariate sceneggiature, fra le più importanti, si ricordano “Notte prima degli esami” (candidato al David di Donatello nel 2006 come miglior sceneggiatura), “Ex” (miglior sceneggiatura nel 2009) e “Maschi contro Femmine” tutti diretti da Fausto Brizzi. Nel 2013 vince il premio miglior film David con Giovani per “Viva l’Italia”. La sua carriera da regista viene arricchita nel 2011 con il premio Nastri d’Argento grazie a “Nessuno mi può giudicare”.

Di contro, non è nuovo nell’ambito teatrale dove ha collaborato con l’attrice Paola Cortellesi, per la quale ha già scritto tre commedie teatrali quali: “Cose che capitano” e “Ancora un attimo”. Fiore all’occhiello è la commedia “Gli ultimi saranno ultimi” poiché ha collezionato numerosi riconoscimenti come il “Premio ETI – Gli olimpici del teatro” e il premio “Anima”.

Il vero cavallo di battaglia di Massimiliano Bruno rimane il monologo “Zero” da lui scritto e interpretato, ma diretto da Furio Andreotti.

Massimiliano Bruno è noto anche al piccolo schermo come conduttore di “Saturday Night Live” per La7 e “8o° minuto” per la FX.

Infine, Massimiliano è anche attore della nota serie televisiva “Boris”, vincitrice del Roma Fiction Festival, e interprete della serie televisiva “Ispettore Coliandro”.

Massimiliano Bruno sui giovani della Campania: «Io credo che sei i giovani iniziassero a pensare al cambiamento, allora sarebbe un atto di coraggio»

 

Foto a cura di Annalisa Saggese

[ads2]

Redazione ZONhttps://zon.it
I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo.

Covid-19

Italia
113,536
Totale di casi attivi
Updated on 20 September 2021 - 11:00 11:00