28 Novembre 2017 - 14:54

Milan, Gattuso si presenta: “Qua c’è tutto per lavorare”

gattuso

Conferenza stampa per Gennaro Gattuso, nuovo tecnico del Milan. Il tecnico è passato dalla Primavera alla Prima Squadra dopo l’esonero di Montella

Tempo di presentazione per Gennaro Ivan Gattuso a Casa Milan. Il nuovo tecnico rossonero, subentrato ieri al posto dell’esonerato Vincenzo Montella, è stato presentato alla stampa nella giornata odierna. Insieme a lui anche Fassone e Mirabelli.

Gattuso ha parlato del nuovo modulo che adotterà già da domenica contro il Benevento: Giocheremo con la difesa a 3, insieme ai 4 di centrocampo, per l’attacco non lo so. Buon rapporto con Montella, ma ci sono alcuni concetti differenti tra me e lui. Mi piace il palleggio ma poi si deve verticalizzare.”

Sul suo ritorno in rossonero: “Questo per me è un giorno importante ed è una grande responsabilità. Non stiamo avendo un momento positivo, ma qua c’è tutto per lavorare. Possiamo fare bene. Non guardo alla classifica, devo vivere alla giornata, partita per partita. Il Benevento è come la finale della Coppa del Mondo e se non stiamo bene a 360° non rendiamo, la priorità è quella di riuscire a trasmetterla ai ragazzi. Dobbiamo avere preparazione fisica e tattica.”

Menzione d’onore per Kessie e discorso sui singoli: “Franck mi somiglia di più, ma è molto più forte di me: è il nuovo Ringhio. Il capitano resta Leo Bonucci. Sono curioso di allenare Suso, voglio vedere se può giocare in più ruoli. Cutrone parte sulla stessa linea degli altri, non molla mai. André Silva giocatore di grande qualità.”

Fassone: “Voluto fortemente Rino”. Mirabelli: “Presto per il bilancio”

Alla conferenza di Gattuso hanno risposto alle domande dei cronisti anche i dirigenti Marco Fassone e Massimiliano Mirabelli.

Queste le parole del dg: “Con Montella il cielo non era tanto sereno, nonostante l’ottimo rapporto. E’ stata una decisione molto sofferta ma il progetto non sta andando avanti come speravo. Mirabelli non è in discussione, l’ho scelto io e ha la fiducia mia e della proprietà. Auguro a Rino (Gattuso, ndr) il meglio. Non è un paracadute, ma una scelta voluta, sia per l’ambiente e anche per quello che ha fatto con la Primavera. Un nuovo capitolo, a fine anno tireremo le somme

Invece queste le parole di Mirabelli: “Gattuso è stato scelto in linea alla squadra che abbiamo. Ha il DNA Milan e concetti che a me piacciono molto. La rosa non ha reso come nelle aspettative. E’ presto per il bilancio ma speriamo che Rino la musica cambi, specie in voglia e determinazione. Con Montella rapporto splendido, non abbiamo litigato nemmeno quando gli ho dovuto comunicare l’esonero.”