Milan, ennesima occasione sprecata; in attesa di un progetto concreto



milan

Il Milan impatta 1-1 in casa contro l’Empoli: l’ennesima rinascita del Diavolo è ancora rimandata, in attesa di un progetto vero e concreto

Anche questa domenica, nel lunch-match delle 12:30, ci si aspettava qualche segnale di ripresa da parte del Milan, ma così non è stato: anzi, a far la parte del leone in quel di San Siro è stato l’Empoli di mister Sarri.

Empoli straripante per tutto il match; il Milan ha cercato di difendere alla meglio, con una difesa già rattoppata e che, tra l’altro, ha perso non solo Zaccardo prima della partita, ma, durante il corso della stessa, anche Alex e Paletta.

Il Milan ha la fortuna di ritrovarsi avanti nel punteggio con l’unica vera occasione creata durante il primo tempo: percussione di Menez che serve Bonaventura che, a sua volta, fornisce l’assist vincente per Mattia Destro, alla sua prima marcatura in maglia rossonera.milan

Nel secondo tempo aumenta la pressione dell’Empoli che, dopo varie occasioni, riesce a trovare il pareggio con un’incornata di Maccarone su cross perfetto di Hysaj e solita dormita della difesa rossonera.

Il Milan rischia addirittura di perdere il match visto che chiude la partita in 9: prima viene espulso Diego Lopez per tocco di mano fuori area, poi, a cambi finiti, s’infortuna Paletta.

Dunque, il Milan rimanda ancora una volta la sua rincorsa all’Europa: dopo i segnali incoraggianti di settimana scorsa contro la Juventus, i rossoneri incappano nella solita, mostruosa, difficoltà nel creare gioco e imporsi contro le squadre, almeno sulla carta, “piccole”.

Il dovere dei rossoneri della parte sportiva, ossia giocatori e allenatore, è quello di finire nel miglior modo possibile la stagione; ma quello che ci chiediamo è, quanti altri “anno zero” dovranno vivere i tifosi rossoneri?

Più passano le stagioni, più sembra che la dirigenza e, soprattutto, la presidenza del Milan, vivano alla giornata, senza un progetto serio e concreto: s’investe pochissimo, per colpa di una presidenza sempre più disinteressata (al di là delle visite di facciata del venerdì), e, quando finalmente si tira fuori qualche euro, vengono spesi malissimo dalla dirigenza.

Quindi, si continua a galleggiare, e chissà per quanto tempo ancora, in una sorta di limbo a cui, certamente, non sono per niente abituati i tifosi della gloriosa maglia rossonera.

Leggi anche