milano fumare
pixabay

Milano sempre più “smoke free”: da oggi, 19 gennaio, scatta il divieto di fumare in alcune zone della città. Ecco dove non è più possibile accendere una sigaretta

Milano “smoke free”. Questo l’imperativo della regione Lombardia per il capoluogo che, a partire da oggi, limita il fumo di sigaretta in alcune zone della città. Il 19 gennaio, infatti, entrano in vigore le misure previste dal Regolamento sulla qualità dell’aria che prevedono, tra le altre cose, limitazioni al fumo di sigaretta.

Potrebbe interessarti:

Da oggi non sarà più consentito fumare all’aperto ad una distanza minima di 10 metri da un’altra persona, nei parchi, alle fermate dei mezzi pubblici, nelle aree gioco per bambini, nelle aree per cani, nei cimiteri e nelle strutture sportive come gli stadi, compreso quello di San Siro.

Il divieto è stato annunciato per una serie di motivi: tutelare la salute dei cittadini, promuovere la consapevolezza sui danni del fumo disincentivando questa pratica, contribuire ad un miglioramento della qualità dell’ario di Milano. Più volte, infatti, il capoluogo si è trovato a dover fare i conti con un particolato nell’aria superiore alla soglia minima; a dimostrazione di ciò, l’aria perfettamente tersa e pura durante i mesi del lockdown. Il fumo è ritenuto uno dei principali fattori di Pm10 (particolato inferiore ai 10 micrometri) e per questo va limitato. A partire dal gennaio 2025, il divieto sarà esteso a tutte le aree pubbliche all’aperto.

Letture Consigliate