Napoli batte la mitica Lazio a Formello



napoli
napoli lazio primavera

Bella impresa del Napoli, che a Formello batte la Lazio dando un segnale della sua “Napoletanetà”, come afferma l’allenatore Giampaolo Saurini ai microfoni RAI

Seconda giornata di ritorno Campionato Primavera girone “C” (Centro Sportivo di Formello Roma 24 gennaio 2015, ore 11.00)

LAZIO-NAPOLI  1-3. Marcatori: 9′ Murgia (L) 51′ Romano (N) 64′ rig., 77′ Prezioso.

napoli
Antonio Romano, suo il goal del pareggio a Formello.

LAZIO: Guerrieri; Pollace , Mattia, Prce, Germoni; Murgia, Pace, Verkaj (50′ Rokavec); Palombi (68′ Milani), Fiore (59′ Rossi) e Oikonomidis. All.: Simone Inzaghi.

A disposizione: De Angelis, Antonucci, Dovidio, Quaglia,  Borecki, Manoni, Capuano e  Collarino.

NAPOLI: Contini; Girardi, Mangiapia, Luperto, Guardiglio; Prezioso, Palmiero, Romano; Bifulco, Persano (89′ Negro) , Gaetano. All.: Giampaolo Saurini.

A disposizione: Gionta, De Simone, Di Fiore, Lombardi, Selva, Esposito, Cicerello.

ARBITRO: Sig. Vincenzo Fiorini della sezione A.I.A. di Frosinone, coadiuvato dai due assistenti Sig.ri Cecconi e Rapollini.

napoli
Giampaolo Saurini primavera Napoli 2014/15. 

Queste le parole dell’allenatore Giampaolo Saurini nel dopogara ai microfoni RAI: “Oggi abbiamo lanciato un bel segnale. Un segnale di napoletanetà. Non abbiamo nessuno straniero, qui ci sono tutti ragazzi del sud”.

Il primo tempo si chiude sul punteggio di uno a zero per la Lazio, ma ciononostante questa prima frazione è carica di nervosismo. Ci pensa il sig. Fiorini di Frosinone a tenere calmi gli animi esibendo fin da subito molti cartellini gialli. Al 23° la Lazio potrebbe andare sul doppio vantaggio, ma l’osservato speciale di Benitez, Nikita Contini, ipnotizza il forte Palombi e gli para un calcio di rigore, facendo chiudere i primi quarantacinque minuti con il minimo vantaggio per i Romani.

Altro tempo ed altra convinzione per il Napoli, che non perdona la dormita della difesa Laziale ed al 51° Antonio Romano conclude facile su di un assist di Bifulco: è uno a uno.

I ragazzi di Inzaghi sono frastornati e Gaetano potrebbe portare in vantaggio i suoi, ma è eccellente Guerrieri in chiusura. Il Napoli non demorde ed al 64° gli viene accordato un calcio di rigore per un atterramento in area ai danni di Bifulco.

napoli
L’autore della doppietta Prezioso.

Si ripete lo stesso copione della settimana scorsa contro il Crotone: sul pallone Prezioso che spiazza Guerrieri e porta i partenopei in vantaggio. La Lazio si scuote, e dopo solo due minuti potrebbe pareggiare con Murgia. Ma oggi Contini appare insuperabile, e dopo il penalty parato neutralizza anche il laziale da distanza ravvicinata.

Al goal mancato subentra il goal subito, e al 77° Prezioso chiude con una doppietta la sua eccellente prova, concedendo al suo Napoli una vittoria prestigiosa su una squadra che negli ultimi campionati ha sempre dominato la scena nazionale.

Finale al centro sportivo di Formello (RM): Lazio 1 – Napoli 3.

Leggi anche



Articolo precedenteHazel Jones, la ragazza con due vagine
Prossimo articoloAngelo Notarangelo, boss mafioso ucciso a Vieste
Avatar
Pasquale D’Aniello, giornalista, nato a Sant’Antonio Abate in provincia di Napoli. Da sempre appassionato di calcio con alcune esperienze dilettantistiche sul campo e sulla panchina. Autore nel 2012 del Libro: "Scugnizzeria agli Albori di un Successo"​ e premiato a Gallipoli nel 2015 (Torneo Internazionale che assegna il Trofeo Caroli Hotels), quale miglior giornalista del calcio giovanile. L'approccio con il calcio giovanile dilettantistico e professionistico da qualche decennio, ha fatto maturare in me nuove convinzioni ed intravedere nuovi orizzonti. "​ Il calcio è educazione, è economia, è uno dei modi di essere società"​. Tutto questo mi ha portato ad essere un "Cronista del calcio giovanile Campano"​, con il fine ultimo di far comprendere che questo Sport deve essere una sana sfida per misurare l'estro calcistico e nulla ha, che possa riguardare il fanatismo e qualsiasi altra devianza che provoca rancore anche a pochi metri di distanza tra i vari campi di calcio. La fortuna poi, di incontrare tantissimi professionisti legati a questo mondo, ha fatto il resto...