OFF4aDAY, la campagna contro il cyberbullismo



off4aday

Da oggi Moige e Samsung Italia insieme per sensibilizzare sul tema degli attacchi online grazie all’iniziativa OFF4aDAY

Troppe giovani vittime del bullismo in rete; foto spiacevoli, e-mail contenenti materiale offensivo possono costituire un danno psicologico.

Così come si sono spente le vittime del cyberbullismo, (https://it.wikipedia.org/wiki/Cyberbullismo) simbolicamente si spegneranno i canali di comunicazione, con l’intento di sensibilizzare l’opinione pubblica riguardo a un fenomeno ancora sommerso.

Diffuso soprattutto tra gli adolescenti che spesso preferiscono tacere, forse per paura o nel peggiore dei casi perché minacciati. Il più delle volte parlano o denunciano quando ormai è troppo tardi.

OFF4aDAY continuerà per tutto l’anno, oltre 2000 istituti scolastici saranno coinvolti in questo progetto di sensibilizzazione e informazione sul tema.

OFF4ADAY 1
OFF4ADAY, campagna contro il cyberbullismo

A tal proposito “Amici”, la nota scuola di Maria De Filippi, essendo un talent che richiama un gran numero di giovani, rappresenta un punto di riferimento.

Con un semplice hashtag #OFF4aDAY, rientrato tra le tendenze su Twitter, sarà possibile diffondere questa iniziativa: Massimiliano Allegri  ha lasciato un tweet sul suo profilo, sottolineando il personale dissenso alle discriminazioni e provocazioni sui social.

Sulla sua pagina ufficiale Facebook, uno dei calciatori più seguiti dagli adolescenti, Stephan El Shaarawy, contribuisce postando l’immagine di OFF4aDAY.

L’obiettivo primario è quello di prevenire questo fenomeno mettendo a disposizione un numero dedicato all’ascolto e alle richieste d’aiuto.

Proprio da oggi infatti sarà attivo il numero 393 300 90 90 e l’indirizzo http://e-mail help@off4aday.it un servizio di supporto dedicato al cyberbullismo gestito da un team di psicologi per rispondere a chi ne avesse bisogno.

Il silenzio diventa, dunque, la risposta simbolica al rumore delle molestie e delle tante offese subite in rete.

Leggi anche