cuccagna

Il paese di Cuccagna: Paese dei Balocchi o Paradiso?Un sogno di giustizia forse meno conosciuto ma dal fascino indiscutibile.

[ads1]

Potrebbe interessarti:

Il paese di Cuccagna è un mondo alla rovescia dove gli uomini trainano l’aratro guidato dal bue, un pesce pesca un pescatore e un villico può farsi beffa di un vescovo. Tutto circondato dall’abbondanza di cibo. Cuccagna ricorda il Paradiso ma perché è nata la sua leggenda?

Il paese di Cuccagna nasce da un’ esigenza di giustizia.

Questo mondo è descritto per la prima volta nel Medioevo. In un poemetto, Unibos che è del secolo X, sono scritte le vicende del contadino Unibos che per liberarsi di tre dei suoi persecutori, riesce a convincerli che in fondo al mare c’è un regno felicissimo, lì riuscirà a mandare i suoi aguzzini. Da allora molte storie si sono narrate sul conto di questo mondo e le diverse versioni presentano leggere variazioni. Nel testo più antico che ci sia pervenuto, Li Fabliaus de Coquaigne, é descritto:

Una volta andai a Roma dal papa per chiedere penitenza, e lui mi inviò in pellegrinaggio in un paese ove ho visto molte cose meravigliose: sentite ora come vive la gente, che abita in quella regione.[…] Il paese è quello di Cuccagna, dove più si dorme più si guadagna […] Di spigole, di salmoni e di aringhe sono fatti i muri di tutte le case; le capriate sono di storioni, i tetti di prosciutti e i correnti di salsicce.

Mentre varia leggermente la descrizione dei fratelli Grimm che descrivono un mondo dove un uomo può superare un cavallo a piedi e un vescovo è consacrato da due topi.

Divergente è anche la localizzazione di Cuccagna. Nella novella di Boccaccio, Maso racconta le meraviglie di un mondo situato nel paese dei Baschi e lontano da Firenze più di millanta miglia mentre in un poemetto inglese il paese di Cuccagna si trova in mezzo al mare, a occidente della Spagna. Nel testo si dice che l’isola di Cuccagna è anche meglio del Paradiso , ove non c’è altro da mangiare che frutta, e altro da bere che acqua.

Il paese di Cuccagna, quindi, non nasce in ambienti permeati di misticismo ma tra masse popolari che da secoli patiscono la fame. Un’ utopia che spesso ci allontana dalla realtà, ci fa cercare un piacere smodato che può portarci a rimbecillirci. Non a caso il Paese dei Balocchi è la Cuccagna di Collodi. [ads2]

Letture Consigliate