Papa Francesco in sinagoga, l’abbraccio con la comunità ebraica

VariePapa Francesco in sinagoga, l'abbraccio con la comunità ebraica

La visita di Papa Francesco ieri, 17 gennaio 2015, alla sinagoga di Roma 30 anni dopo quella di Giovanni Paolo II e di papa Benedetto 6 anni fa

[ads1] Con un grande abbraccio è iniziata la visita di papa Francesco alla sinagoga di Roma, quasi a simboleggiare l’incontro spirituale e politico che sussiste tra le due religioni: quella cristiana e quella ebraica, un incontro che deve porsi all’insegna del dialogo secondo quanto tracciato dai pontificati romani post guerra e da quelli di Giovanni Paolo II e di Ratzinger.

Papa Francesco ha fatto visita alla sinagoga ebraica esordendo con la storica frase con cui trent’anni fa giunse papa Woytila:”Todà rabbà” (“grazie tante”).

il papa in sinagoga
il papa in sinagoga

Il discorso del papa è poi proseguito sui temi della solidarietà e della vicinanza tra comunità religiose, nel rispetto e amore reciproco e di Dio.

Conflitti, guerre, violenze e ingiustizie  – aprono ferite profonde nell’umanità e ci chiamano a rafforzare l’impegno per la pace e la giustizia. La violenza dell’uomo sull’uomo è in contraddizione con ogni religione degna di questo nome, e in particolare con le tre grandi religioni monoteistiche. La vita è sacra quale dono di Dio. Il quinto comandamento del Decalogo dice: ‘Non uccidere’. Dio è il Dio della vita, e vuole sempre promuoverla e difenderla; e noi, creati a sua immagine e somiglianza, siamo tenuti a fare lo stesso. Ogni essere umano, in quanto creatura di Dio, è nostro fratello, indipendentemente dalla sua origine o dalla sua appartenenza religiosa. Ogni persona va guardata con benevolenza, come fa Dio, che porge la sua mano misericordiosa a tutti, indipendentemente dalla loro fede e dalla loro provenienza, e che si prende cura di quanti hanno più bisogno di lui: i poveri, i malati, gli emarginati, gli indifesi. Là dove la vita è in pericolo,  siamo chiamati ancora di più a proteggerla. Né la violenza né la morte avranno mai l’ultima parola davanti a Dio, che è il Dio dell’amore e della vita.

Noi dobbiamo pregarlo con insistenza affinché ci aiuti a praticare in Europa, in Terra Santa, in Medio Oriente, in Africa e in ogni altra parte del mondo la logica della pace, della riconciliazione, del perdono, della vita”. Queste le parole del Santo Padre, accompagnate dalla semplicità dell’incontro, che come è stato sottolineato da Ruth Dureghello, presidente della Comunità ebraica di Roma, l’incontro del papa “Non porta i segni dei ritualismi  “con questa visita ebrei e cattolici lanciano oggi un messaggio nuovo rispetto alle tragedie che hanno riempito le cronache degli ultimi mesi: le fede non genera odio, non sparge sangue, richiama al dialogo”.

Adeguate sono statele misure di sicurezza approntate, una vigilanza di 800 uomini fra poliziotti e carabinieri. Ad attendere il pontefice ci sono stati oltre a Dureghello, presidente dell’Unione delle comunità ebraiche italiane, Renzo Gattegna, e uomo chiave della Fondazione museo della Shoah e il rabbino capo  di Roma, Riccardo Di Segni, che così si espresso: “Secondo la tradizione giuridica rabbinica, un atto ripetuto tre volte diventa chazaqà, consuetudine fissa” e quindi, ha aggiunto, “è decisamente il segno concreto di una nuova era”, un evento che “si irradia in tutto il mondo con un messaggio benefico” e che “si oppone  all’invasione e alla sopraffazione delle violenze religiose”. [ads2]

Redazione ZONhttps://zon.it
I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo.

Covid-19

Italia
74,161
Totale di casi attivi
Updated on 29 July 2021 - 07:01 07:01